Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 19 Novembre 2018 - Aggiornato alle 11:38
RAGUSA - 06/11/2018
Attualità - Il sindaco Peppe Cassì promette la mano pesante contro i trasgressori

Differenziata a Ragusa: giunta soddisfatta, restano tante criticità

Sia in centro che in periferia i sacchetti sulle strade proliferano Foto Corrierediragusa.it

L’amministrazione è soddisfatta. I dati della differenzia fanno percepire una inversione di tendenza in positivo, ma le sacche di precarietà sono tante in tutte le zone della città. Il sindaco Peppe Cassì parte dal 69,3% di differenziata che, raffrontato soprattutto al 49,7% dello scorso anno, fa emergere un dato virtuoso e molto confortante. Cassì non si nasconde e sa che la strada è ancora lunga per debellare comportamenti scorretti e ricorda anche le oltre 300 multe comminate a cittadini sorpresi a bittare sacchetti fuori dai contenitori. Il sindaco annuncia pugno duro contro i trasgressori e la linea dura è invocata anche da Mario D’Asta (Pd), che invoca regole e controlli più incisivi per far sì che tutti i cittadini siano costretti a seguire le regole della differenziata e che le sacche dell’abusivismo possano essere contenute sino ad essere completamente debellate.

Il consigliere comunale Mario D’Asta sollecita Cassì ad affidare il servizio rimozione rifiuti dagli angoli delle strade ad un’altra ditta che si occuperebbe solo di gestire questo aspetto dell’igiene ambientale, ma anche intensificando, con la stessa ditta aggiudicataria del bando, la frequenza dei passaggi per l´indifferenziata e per l’umido. Anche «Ragusa in Movimento» denuncia cumuli di spazzatura per le strade facendo proprie le segnalazioni di tanti cittadini. Sia in centro che in periferia i sacchetti sulle strade proliferano. Scrive Mario Chiavola, presidente del movimento, facendo anche riferimento alla situazione nello spazio adiacente alla stazione di Ibla: «La nostra città non merita tutto questo. Servono misure repressive molto serie per sanare la situazione in maniera complessiva».