Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 19 Novembre 2018 - Aggiornato alle 11:38
RAGUSA - 30/10/2018
Attualità - Eppure la ricorrenza importata dagli States affascina anche i grandi

Don Occhipinti: "La festa di Halloween non ci appartiene"

Prede posizione il direttore dell’ufficio diocesano per la pastorale della salute a Ragusa Foto Corrierediragusa.it

«Halloween è sicuramente molto più divertente e attrae i bambini più di una visita al cimitero o una messa per santi della Chiesa cattolica. Ma soprattutto fa spendere soldi ai genitori. Esposti nelle vetrine dei negozi di giocattoli, nelle cartolerie ci sono pupazzi a forma di streghe, teschi, ragni, fantasmi, zucche e gatti. Divertenti e simpatici simboli di una festa che in realtà non ci appartiene per niente»: lo dice il direttore dell’ufficio diocesano per la pastorale della salute a Ragusa, don Giorgio Occhipinti. «Festeggiamo pure la notte di Halloween - aggiunge don Occhipinti - con tutte le sue tradizioni, i suoi riti, il suo esorcismo verso la paura per l´aldilà, ma facciamolo quando siamo in un paese dove questa tradizione è parte della cultura locale. Fatto da noi italiani e siciliani non è che un ridicolo e provinciale tentativo di imitare gli americani in un campo che non ci appartiene e soprattutto è un ulteriore modo per dimenticare le nostre radici».