Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 19 Novembre 2018 - Aggiornato alle 12:48
RAGUSA - 25/10/2018
Attualità - Ricordato il centenario della fine dell’eventi bellico

"La Sicilia nella Grande Guerra": una mostra in Prefettura

Lo storico Giuseppe Barone ha parlato del sacrificio dei tanti iblei che diedero la vita per la patria Foto Corrierediragusa.it

Il Centenario della fine della Grande Guerra è stato ricordato con una mostra ospitato nei saloni del Palazzo di Governo. «La Sicilia nella Grande Guerra» è il filo conduttore della mostra che è visitabile fino a venerdì quando sarà poi trasferita a Trapani. E’ stato il prefetto, Filippina Cocuzza a fare da padrona di casa per il Comandante Militare dell’Esercito in Sicilia Generale di Brigata Claudio Minghetti, il Vescovo Mons. Carmelo Cuttitta nonché i Vertici provinciali delle Forze dell’Ordine e le massime autorità locali. L’appuntamento ha visto protagonisti gli studenti iblei , rappresentati nella circostanza dagli alunni degli Istituti Comprensivi «Vann´Antò» e «Crispi» di Ragusa ed del Liceo «G. Carducci» di Comiso, impegnati nel progetto per la realizzazione di lavori sui diversi argomenti loro assegnati sul tema della Grande Guerra, quali l’alimentazione al Fronte, la musica (inni, marce e canzoni popolari), il contributo dei militari siciliani e i movimenti culturali nella Grande Guerra, la corrispondenza dal Fronte e la realtà contadina dell’epoca.

La cerimonia inaugurale è stata anticipata dalla esibizione della Fanfara dei Bersaglieri dell’Associazione Bersaglieri di Santa Croce Camerina, cui dopo il tradizionale taglio del nastro e i saluti istituzionali, hanno fatto seguito i diversi momenti in programma tra i quali l’intervento dello storico Giuseppe Barone (foto) sui contenuti di uno dei suoi lavori realizzato nel 2015 sul tema «Gli Iblei nella Grande Guerra», la presentazione da parte di ciascun dirigente degli Istituti interessati dei lavori di rispettiva pertinenza, con frammenti dei lavori musicali e teatrali realizzati dai propri alunni.

Il Generale Minghetti in apertura ha sottolineato l’importanza della Mostra per i suoi riferimenti territoriali alla Sicilia che ha pagato un altissimo tributo di sangue, con caduti, mutilati, invalidi ed anche eroi, ponendosi come testimonianza - attraverso i lavori realizzati dagli studenti dell’isola, delle difficoltà, delle sfide e dei cambiamento di carattere sociale, economico e culturale, legati al particolare evento bellico.