Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 17 Luglio 2018 - Aggiornato alle 15:00
RAGUSA - 08/05/2018
Attualità - I dati resi noti dall’Istituto superiore di sanità (Iss)

Influenza, stagione finita: colpiti in 8,7 milioni con 160 morti

E’ stata l’epidemia più importante degli ultimi 15 anni Foto Corrierediragusa.it

Quasi 8,7 milioni di italiani colpiti e 160 morti: è il bilancio finale della stagione influenzale, ormai volta al termine. Secondo quanto reso noto dall´Istituto superiore di sanità (Iss) si è trattato della più intensa degli ultimi 15 anni. Nella precedente, tra il 2016 e il 2017, i casi totali furono 5,4 milioni con 53 morti, e i casi gravi furono 219. "E´ stata l´epidemia più importante degli ultimi 15 anni - sottolinea l´epidemiologo dell´Iss, Gianni Rezza - con un picco molto intenso e moltissimi casi, ma pochi casi gravi rispetto al totale complessivo". Complessivamente, in base agli ultimi dati disponibili, i casi gravi sono stati 744, di cui 15 donne incinte, e 160 le persone morte (tra cui 2 donne incinte). Nell´ultima settimana 23-9 aprile l´attività dei virus influenzali è arrivata ai livelli di base e sono stati circa 39mila i casi segnalati di influenza, con un´incidenza di 0,64 casi per mille assistiti.

Come per tutta la stagione, i più colpiti sono stati i bambini tra i 0 e 4 anni (1,43 casi), seguiti da quelli della fascia 5-14 anni (0,71), i giovani e gli adulti tra i 15-64 anni (0,63) e gli anziani dai 65 anni in su (0,46 casi). Le regioni in cui l´incidenza è stata più forte e lunga sono state la Basilicata, la Calabria, le Marche e l´Abruzzo. Tgcom 24

I DATI FORNITI DALL´ASP 7 PER IL RAGUSANO
L´epidemia influenzale è terminata anche negli Iblei e il Servizio Epidemiologia dell’Asp 7 di Ragusa ha di recente comunicato i primi resoconti. «La percentuale dei vaccinati di 65 anni di età è aumentata: si è passati dal 55% dello scorso anno al 60% circa di quest’anno». Lo ha affermato il dottore Giuseppe Ferrera, Direttore del Servizio Epidemiologia dell’Asp. "Purtroppo ancora molti soggetti - ha continuato Ferrera - sotto i 65 anni che presentano delle condizioni a rischio non si vaccinano. Anche il personale sanitario si è vaccinato poco.» Quest’anno l’influenza ha messo a letto in territorio ibleo circa 4.000 soggetti e, come ogni anno, ci sono stati tre casi gravi che hanno avuto la necessità di ricovero al´Ismet di Palermo.

I più colpiti sono stati i bambini sotto i cinque anni, seguiti da quelli tra i 5 e 14 anni. Nei giovani adulti l’ incidenza è scesa. Il livello di incidenza influenzale quest’anno è stato «molto alto». Paragonabile a quello che si è registrato nelle stagioni degli anni 2004/2005 e 2009/2010.