Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 18 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 761
RAGUSA - 19/06/2017
Attualità - In Italia sono quasi mezzo milione ad affrontare le tre prove scritte e quella orale

Esami Stato: mercoledì prima prova per 3 mila studenti iblei

Marinetti e il Futurismo, Quasimodo e Magris tra gli autori più gettonati per il tema di Italiano Foto Corrierediragusa.it

Mezzo milione di studenti italiani impegnati con gli esami di Stato. E’ la prova conclusiva di un quinquennio di studi e il primo vero esame, il cui superamento consentirà poi l’iscrizione all’università o l’entrata in modo qualificato nel mondo del lavoro. L’esame di Stato è destinato a cambiare nel 2019 grazie alle riforme introdotte dal Ministero. Le commissioni si sono già insediate e le eventuali defezioni dei commissari, presidente e tre esterni, e tre interni obbligheranno l’Ufficio scolastico provinciale a provvedere ad una surroga quanto più veloce possibile per consentire il regolare avvio delle operazioni. Negli istituti iblei sono previsti poco meno di tre mila esaminandi e 72 commissioni. La Maturità 2017 prevede tre prove scritte ed una orale. Si comincia mercoledì con l´Italiano. Marinetti e il Futurismo, Quasimodo, Magris e Piradello sono gli autori che circolano sui siti specializzati. Gli studenti avranno sei ore per svolgere la prova per la quale sono proposti un saggio breve, l’analisi di alcuni testi, un tema a carattere storico, e uno artistico ed uno di cultura generale.

Giovedì è in calendario la prova di indirizzo per ciascuno istituto, quest’anno ritorna il Latino al Classico, confermata Matematica allo Scientifico e una prova in Lingua al Linguistico. Dopo due giorni di pausa si riprende lunedì con la terza prova che, contrariamente alle prime due, è affidata alla preparazione da parte delle commissioni sulle materie di studio dell’ultimo anno. E’ paradossalmente la prova più temuta perché ad ampio raggio. Le commissioni procederanno poi con le correzioni e dopo la pubblicazione dei risultati delle prove scritte si comincerà con gli orali. Gli esami si concluderanno entro la prima decina di luglio a secondo del numero degli studenti da esaminare. Dal punto di vista organizzativo il Ministero ha confermato l´uso del plico telematico per l´invio delle tracce e ribadito il divieto di utilizzo di cellulari, smartphone e tablet.