Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 20 Agosto 2017 - Aggiornato alle 11:02 - Lettori online 630
RAGUSA - 14/05/2017
Attualità - L’associazione "Ci ridiamo sù" si è aggiudicata il premio da 7.500 euro nella categoria «Sostegno alla salute&raqu

Medici-clown in ospedale per alleviare dolore

Sedici i medici coinvolti in un progetto di promozione della salute e supporto di persone con disabilità Foto Corrierediragusa.it

Il progetto «Manda un clown in ospedale» ha vinto il contest «Aviva Community Fund», la raccolta di voti telematici avviata dalla compagnia assicurativa Aviva per offrire un supporto concreto alle organizzazioni non profit e ai loro progetti sul territorio italiano. Oltre 17.200 i voti raccolti dal progetto dell’associazione «Ci ridiamo su», promossa da medici-clown, impegnata nella promozione della Comicoterapia, o scienza del sorriso, in contesti difficili, come appunto quello ospedaliero. L’associazione si è aggiudicata il premio da 7.500 euro nella categoria «Sostegno alla salute» rivolta a progetti orientati al sostegno della ricerca scientifica, alla promozione della salute e al supporto delle persone con disabilità.

Un aiuto concreto quindi al lavoro dei clown dottori, 16 al momento, dice Fabio Ferrito, presidente dell’associazione «Ci ridiamo sù» - perché è stato l’esito di un meraviglioso lavoro di squadra e che ha visto impegnata, in maniera davvero commovente, tutta la comunità provinciale, ed oltre, che ci ha sostenuto con i suoi voti. Una vittoria corale, frutto delle relazioni che abbiamo costruito in questi anni di impegno e di presenza sul territorio. Il premio è un supporto concreto al nostro lavoro che ci permetterà di sostenere con più serenità le spese relative ai corsi di aggiornamento, alle supervisioni, allo stesso materiale che usiamo nelle nostre attività». Da qualche mese l’associazione è anche presente presso il reparto di Day Hospital Oncologico dell’ospedale «Arezzo» di Ragusa Ibla con il «Progetto Saturnino» interamente finanziato da fondi privati.