Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 20 Agosto 2017 - Aggiornato alle 11:02 - Lettori online 649
RAGUSA - 12/04/2017
Attualità - Da un episodio ancora tutto da chiarire è scaturito un atto d’amore

Cuore nuovo per un 28enne di Ragusa: gesto d´amore

Si tratta di Massimo Calogero Giuliana, ucciso da un colpo di pistola Foto Corrierediragusa.it

Un cuore nuovo batte da qualche settimana nel petto di un ragazzo ragusano di 28 anni. È il cuore di Massimo Calogero Giuliana. Per sua volontà, espressa quando era in vita, e dei suoi familiari, che non hanno esitato a dare il consenso, sono stati prelevati e donati gli organi della guardia giurata di 47 anni rimasta gravemente ferita durante il servizio a Siracusa nella notte tra il 5 e il 6 marzo scorso da un colpo partito accidentalmente dalla sua pistola d’ordinanza e per la cui vicenda dai contorni poco chiari c’è una persona indagata. All’ospedale Umberto I, il gruppo di Coordinamento Trapianti dell’Asp di Siracusa guidato da Franco Gioia Passione insieme con gli oftalmologi dell’ospedale aretuseo e l’equipe dell’Ismett di Palermo, ha effettuato le necessarie operazioni. Alla guardia giurata sono stati prelevati cuore, fegato, reni e cornee.

Gli organi sono stati trasferiti all’Ismett di Palermo a mezzo di un elicottero del 118 con il supporto della Croce Rossa Italiana. La figlia di Massimo Calogero Giuliana, pur nel grande dolore per la perdita subita, aveva prestato il consenso per la donazione degli organi. Il cuore, come accennato, è stato trapiantato ad un ragazzo di Ragusa di 28 anni. «Sono davvero contenta che – aveva scritto la figlia della guardia giurata - gli organi di mio padre, soprattutto il cuore, abbiano aiutato una persona ancora in fior d´età. Una parte del mio amato padre – aveva concluso – vive ancora dentro di lui e dentro le altre persone».

Ha collaborato Piero Burrugano