Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 18 Agosto 2017 - Aggiornato alle 0:00 - Lettori online 394
RAGUSA - 05/04/2017
Attualità - Passi avanti per la realizzazione dell’attesa infrastruttura viaria

Progetto esecutivo per raddoppio Rg-Ct

Il cronoprogramma risulta finora rispettato in pieno Foto Corrierediragusa.it

Sembra che il progetto del raddoppio della Ragusa-Catania sia finalmente giunto alla fase decisiva. Dopo anni di attese, l’Anas rassicura che i lavori saranno avviati entro la fine del 2017. La notizia è emersa durante i lavori della seduta della Commissione Bilancio, con l’audizione dell’assessore e del direttore generale del dipartimento regionale alle infrastrutture, Giovanni Pistorio e Fulvio Bellomo, intervenuti insieme al capo compartimento di Anas Sicilia, Valerio Mele. L’assessore Pistorio ha quindi confermato che l’iter, partito con la firma della convenzione nell’agosto 2016, sta procedendo senza intoppi e nel rispetto dei tempi. È stato anche fornito un cronoprogramma secondo il quale già a luglio dovrebbe essere consegnato il progetto esecutivo per poi partire entro dicembre con l’apertura dei primi cantieri nella zona di Lentini. Anche il Ministro Delrio nei giorni i scorsi in visita in Sicilia aveva rassicurato sulla realizzazione dell’opera. Dopo tanti anni di attesa per i cittadini quindi, la Ragusa – Catania sembrerebbe «cosa fatta», o quantomeno l’avvio dei lavori non dovrebbe subire rallentamenti.

Si spera poi che siano celeri i tempi di realizzazione e che non si rimanga impantatanti, come troppo spesso accade in Sicilia, nelle varie procedure burocratiche che dovranno essere poste anche per interagire con la società che ha vinto il project financing. Una buona notizia, per la viabilità sull’Isola quella dell’avvio dei lavori della Ragusa-Catania, che si aggiunge a quella dei 36 milioni di euro stanziati dalla giunta Crocetta per interventi da realizzare con Anas.