Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 18 Agosto 2017 - Aggiornato alle 0:00 - Lettori online 393
RAGUSA - 28/02/2017
Attualità - E’ intervenuto un agente di polizia locale

Ubriaco fa pipì vicino ad una scuola

Soddisfatto per l’operazione svolta l’assessore al ramo Iannucci Foto Corrierediragusa.it

Faceva tranquillamente pipì davanti ad una scuola, in barba alle più elementari regole della pubblica decenza, e non aveva smesso nemmeno dopo le reiterate esortazioni della polizia locale. Protagonista in negativo della vicenda un 61enne rumeno, che è stato denunciato all´autorità giudiziaria. L´uomo era stato sorpreso ad urinare a ridosso dei cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani in via delle Palme, angolo via benedetto Croce, in prossimità dell’istituto scolastico «Paolo Vetri». L’operatore di polizia locale, che stava svolgendo il servizio di vigilanza scolastica, ha intimato più volte all’uomo di ricomporsi ed allontanarsi, in conformità a quanto previsto dall’art. 9, comma 2, D.L. n. 14/2017 (meglio noto decreto sicurezza urbana), cercando anche nel contempo di mitigare le giuste reazioni di protesta dei numerosi genitori presenti in loco, in attesa dell’uscita dei figli dall’istituto scolastico. All’ uomo, che dovrà rispondere della violazione degli art. 650 e 651 del codice penale, è stato anche elevato un illecito amministrativo per violazione della fattispecie di ubriachezza (art. 688 c.p.) e atti contrari pubblica decenza (art. 726 c.p.), che sono stati depenalizzati.

Il verbale è stato trasmesso alla prefettura, al questore e al sindaco ai fini dell’applicazione delle nuove misure introdotte in materia di sicurezza urbana dal D.L. n. 14/2017. Il vice sindaco e assessore alla polizia locale Massimo Iannucci, ha espresso il suo compiacimento per l’operazione svolta, che ha visto l’applicazione per la prima volta da parte della polizia locale dei nuovi strumenti previsti dal decreto legge sulla sicurezza urbana.