Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 24 Agosto 2017 - Aggiornato alle 1:19 - Lettori online 329
RAGUSA - 20/02/2017
Attualità - Dopo l’elezione del presidente Enzo Buscemi si completano gli organismi

Confcommercio Ragusa, si insedia la nuova giunta

cooptati anche 3 associati espressione di eccellenza per l’attività che svolgono Foto Corrierediragusa.it

Varata la nuova Giunta provinciale di Confcommercio Ragusa. Dopo l’elezione di Enzo Buscemi, è stato questo il successivo passaggio necessario per far sì che tutti gli organismi di vertice dell’associazione di categoria, a livello provinciale, siano pienamente operativi. I nuovi componenti della Giunta, sono, per il comprensorio ragusano, oltre al presidente Buscemi, Giovanni Digrandi, Salvatore Marinelli, Danilo Tomasi, per il comprensorio modicano Bruno Azzarelli, Giorgio Piccionello, Gianluca Manenti, Francesco Fidelio, per il comprensorio ipparino Antonio Prelati, Salvatore Normanno, Orazio Nannaro e Rosario Dibennardo. Inoltre, il presidente Buscemi ha deciso di cooptare tre associati che, in ambito territoriale, sono espressione di eccellenza per l’attività che svolgono. Sono Maurizio Tasca, Luigi Marchese e Daniele Russino. E’ stato deciso di nominare per ciascun comprensorio un vicepresidente, vale a dire Digrandi per l’ambito ragusano, Piccionello per quello modicano e Prelati per il versante ipparino.

«Il nostro –ha sottolineato il presidente provinciale Buscemi al termine della riunione– è un programma molto ambizioso, abbiamo tantissima voglia di fare e non vogliamo chiaramente restare a guardare. Puntiamo senza mezzi termini al rilancio di Confcommercio in provincia di Ragusa. Cercheremo, dunque, di recuperare soci, di infondere nuovamente la voglia di appartenenza rispetto a un’associazione di categoria che ha parecchio da dire, soprattutto per quanto riguarda un momento storico ed economico così delicato».