Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 20 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 9:12 - Lettori online 1018
RAGUSA - 17/01/2017
Attualità - Incontro tra i rappresentanti delle associazioni e l’amministrazione comunale

A Ibla niente ticket per bus turistici. Sindaco ci ripensa

Il bando che istituiva il pagamento di 80 euro per pullman sarà rivisto Foto Corrierediragusa.it

I commercianti protestano e il sindaco fa un passo indietro. La Giunta Piccitto rivedrà il bando riguardante le zone blù per i bus turistici, camper e mini bus a Ibla. Sono stati i rappresentanti del Centro commerciale naturale Antoca Ibla e dell’associazione VivIbla a chiedere una revisione del bando che prevedeva il pagamento di 80 euro per gli autobus turistici che intendono sostare una giornata a Ragusa. Tariffe ritenute esose anche per mini bus e camper, con il rischio di risultare scarsamente d´attrattiva per tour operator, agenti di viaggio e turisti. Dopo il confronto l´Amministrazione comunale ha annunciato che questa parte sarà stralciata dal bando dei parcheggi blu, in scadenza il 25 gennaio, che dunque riguarderà solo la gestione degli stalli.

«E’ una vittoria della città e del buon senso – spiega il presidente del centro commerciale naturale Antica Ibla, Santi Tiralosi- D´ora in poi occorre lavorare per la prossima stagione, oramai imminente, per risolvere in maniera definita l’emergenza parcheggi a Ibla». I consiglieri Pd Mario D’Asta e Mario Chiavola alla luce di quanto deciso parlano di «marcia indietro. Da ciò vediamo come è gestita la città per quanto riguarda taluni aspetti importanti come può essere quello turistico. C’è voluta una specie di sollevazione popolare perché l’Amministrazione addivenisse a più miti consigli. Altrimenti, questa prospettiva sarebbe passata senza colpo ferire con grave disagio per tutti gli operatori del comparto».