Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 23 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 14:01 - Lettori online 805
RAGUSA - 02/11/2016
Attualità - Tre giorni di appuntamenti presso la Casa di piazza Cappuccini

Ragusa ricorda la sua beata, Suor Maria Schininà

E’ il 26mo anniversario della beatificazione avvenuta nel 1990 Foto Corrierediragusa.it

Ragusa ricorda la sua beata, Suor Maria Schininà (foto). Prendono il via le celebrazioni per il 26mo anniversario della beatificazione della suora ragusana, beata dal 1990. Scelse di vivere in umiltà e semplicità dedicandosi alla cura degli infermi, degli abbandonati e dei poveri. Istituì le suore del Sacro cuore di Gesù perché fossero di aiuto in ogni genere di miseria. Suor Maria Schininà è beata dal 1990. Una celebrazione eucaristica è stata presieduta da don Marco Diara, arciprete di Monterosso Almo e animata dal coro parrocchiale nel primo giorno dei festeggiamenti. Dopo la santa messa, il sindaco di Monterosso, Paolo Buscema, ha offerto a nome della cittadinanza l’olio che alimenterà, durante l’anno 2016-2017, la lampada votiva della Beata Maria Schininà.

Venerdì dalle 18 e sempre in Casa Madre, ci sarà la solenne celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo, mons. Carmelo Cuttitta. La funzione religiosa sarà animata dal coro delle suore e dei giovani. Infine, sabato dalle 18,30, la celebrazione eucaristica sarà presieduta da don Salvatore Mercorillo e animata dall’oratorio Spazio di Ragusa. Nel salone della Casa Madre di piazza Cappuccini 18, sarà poi presentato il recital «Alla madre dei poveri» con video e canti eseguiti da Carmela Cascone, Gianfranco Chessari e dal coro San Pio X con interventi canori degli alunni della scuola Santissimo Redentore di Ragusa. Per la congregazione delle suore del Sacro Cuore, dunque, tre giorni dedicati alla riflessione sulla figura e sulle opere della fondatrice.