Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 22 Aprile 2018 - Aggiornato alle 20:51
RAGUSA - 08/01/2015
Attualità - Il consigliere Mario D’Asta "bacchetta" la giunta

Castello di Donnafugata sempre chiuso per le feste

E poi manca una guida vera e propria non solo al maniero Foto Corrierediragusa.it

Castello di Donnafugata (foto) chiuso e il consigliere Mario D´Asta bacchetta la giunta comunale di Ragusa: "Altro che parlare di turismo, siamo all´anno zero". Tutto è successo sabato quando nella tarda mattinata un gruppo di turisti stranieri accompagnati da un docente e da un fotografo si sono presentati alle porte del castello ma hanno trovato tutto chiuso. La comitiva è arrivata sul posto prima della chiusura prevista,secondo informazioni fornite sul sito del comune, alle 13 per le sale e alle 13.45 per il parco. Niente di tutto ciò perchè entrambi i siti erano chiusi. Dice il consigliere Pd: "Ancora una volta ci dobbiamo rendere conto di come manchi una visione complessiva della questione del turismo. E quanto accaduto è l´effetto di una mancanza di visione, di programmazione che poi si manifesta proprio con i cancelli chiusi. Si va avanti a spizzichi e bocconi senza avere chiaro in mente un progetto specifico, anche e soprattutto per quanto riguarda la gestione dei beni culturali, che invece dovrebbe muovere il più possibile la nostra attività in questo campo. Avere rivisitato la tassa di soggiorno, lo abbiamo detto, è insufficiente, se col turismo non si vola alto, se poi ancora si trova il sito di Donnafugata chiuso il sabato mattina.

Per quanto riguarda, inoltre, l’antico castello, ma non solo, l’altra questione da porre ha a che vedere con la mancanza di una guida vera e propria, di un addetto che possa spiegare al meglio agli ospiti tutti gli aneddoti che riguardano da vicino il maniero, gli stili architettonici e quant’altro. Siamo costernati per questo modo di fare".