Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 25 Febbraio 2018 - Aggiornato alle 12:44
RAGUSA - 17/11/2014
Attualità - Mancherebbe una organizzazione di base per il decollo del servizio

La raccolta differenziata non convince a Ragusa

Divieto di abbandonare sulle strade o all’esterno dei contenitori dei rifiuti qualsiasi tipologia di materiale Foto Corrierediragusa.it

L´amministrazione va avanti per migliorare la raccolta differenziata ma ci sono ancora molti punti da chiarire. Fratelli d´Italia ha invitato il sindaco a riflettere su alcuni "consigli" contenuti in un foglietto informativo che è stato recapitato in questi giorni agli utenti. L´idea ispiratrice del nuovo servizio è quella premiale e cioè di gratificare con punti il maggior numero di rifiuti semplici e speciali conferiti presso il centro di raccolta. I punti fino ad un massimo 2041 valgono infatti un minimo del 10 per cento di sconto sul pagamento della Tari. I rifiuti, rileva Fratelli D´Italia, dovranno tuttavia essere conferiti al centro di raccolta ma per molti anziani e pensionati privi di proprio mezzo diventa difficile arrivare fino alla zona industriale, sede della zona di raccolta, per scaricare rifiuti pesanti e non. Fratelli d´Italia fa notare: "Chi non potrà, oltre a correre il rischio di essere sommersi di rifiuti in casa, sarà costretto a pagare una Tari maggiorata e quindi si finirà per colpire ancora una volta le categorie sociali più disagiate.

Il volantino distribuito dal Comune prevede anche il divieto assoluto di abbandonare lungo le strade o all´esterno dei contenitori dei rifiuti qualsiasi tipologia di materiale. Viene da chiedere come dovrebbe fare il povero cittadino, considerato che in molte zone della città esistono contenitori assolutamente inadeguati e di dimensioni ridottissime? Anziché costringere i ragusani a dovere percorrere 15 km in auto, peraltro inquinando ulteriormente l’atmosfera, per recarsi al centro di smaltimento, perché non si dota la città di contenitori di grandi dimensioni con una carta identificativa elettronica che si inserisce e nella quale vengono caricati i punti sulla base dei rifiuti conferiti". Servono dunque dei correttivi che il sindaco è stato invitato ad introdurre per tutelare tutti gli utenti e non sono quelli più avvantaggiati.