Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 16 Luglio 2018 - Aggiornato alle 14:35
RAGUSA - 20/07/2013
Attualità - Singolare iniziativa dei Giovani democratici che avviano petizione popolare

Magliocco o La Torre? Raccolta firme

Dell’iniziativa è stata investita anche la segreteria nazionale del Pd. A Scoglitti e a Marina di Ragusa le prime raccolte di firme
Foto CorrierediRagusa.it

Il generale Vincenzo Magliocco è morto 77 anni fa e Pio La Torre, parlamentare comunista negli anni ´70, è stato assassinato dalla mafia 31 anni fa: i loro nomi sono ancora vivi, si contendono la titolarità dell’aeroporto di Comiso. I giovani comunisti della provincia, capitanati dal segretario provinciale Andrea Lo Vento (nella foto al centro in conferenza stampa), pur di reiintitolare lo scalo a La Torre ora che Filippo Spataro ha vinto le elezioni a sindaco su Giuseppe Alfano, stanno avviando una raccolta di firme in tutte le piazze della provincia iblea. Una sorta di «primarie» tra un ex generale fascista e un ex parlamentare comunista, padre della legge Rognoni-La Torre che porta alla confisca dei beni mafiosi.

L’iniziativa è stata decisa nel corso della conferenza stampa tenuta dai Giovani democratici a Ragusa. Tale iniziativa si svolgerà nelle piazze della provincia di Ragusa. Le prime due date prestabilite sono: il 26 luglio a Scoglitti e l´11 agosto a Marina di Ragusa. I Giovani democratici saranno presenti con i propri banchetti per invitare la cittadinanza a sostenere con una raccolta firme la proposta di intitolare l´aeroporto a Pio La Torre. Tale petizione sarà consegnata al neo Sindaco di Comiso Filippo Spataro.

Il segretario provinciale Andrea Lo Vento dice: "Avvertiamo l´esigenza di ristabilire il nome Pio La Torre, simbolo di lotta alla mafia ed icona della pace. Questa per noi rappresenta una esigenza culturale ed ideologica, non meno importante rispetto alla esigenza che oggi ha l´aeroporto riguardo al suo potenziamento in termini di rotte e contratti con le compagnie aeree".

Il segretario del circolo di Comiso Biagio Taranto afferma: "Chiediamo al sindaco di Comiso di abolire la delibera n. 178 del 2008, con cui la passata amministrazione, contrariamente a quanto deciso nel 2007, ha ritenuto prepotentemente di ristabilire il nome della vecchia base militare intitolata nel 1936 a Magliocco".

Il componente della Direzione nazionale Giovani democratici, Enrico Battaglia va oltre: "Abbiamo coinvolto la segreteria nazionale nella persona di Antonino Lo Burgio, responsabile nazionale infrastrutture e trasporti, il quale ha garantito il sostegno per questa iniziativa. Prossimamente mi farò carico di promuovere l´iniziativa alla direzione nazionale e di coinvolgere i nostri rappresentanti in parlamento, in primis il segretario nazionale Fausto Raciti, in merito al mancato inserimento della struttura nel piano nazionale dei trasporti".

Giovani democratici, ci sta tutto nella nobile battaglia per il nome, speriamo definitivo, dell’aeroporto comisano, a condizione che questa con querelle La Torre o Magliocco non facciate cadere il «Governo di larghe intese Pd-Pdl» alla cui debole alleanza fa voti il decollo dell’economia nazionale.