Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 24 Maggio 2018 - Aggiornato alle 20:00
RAGUSA - 01/12/2012
Attualità - Il restyling è costato un milione 300 mila euro ed undici mesi di lavoro

Via Roma: richiesto il risarcimento

Da completare solo verde ed illuminazione pubbblica, poi sarà collaudata Foto Corrierediragusa.it

Il cantiere di via Roma a Ragusa, croce e delizia dei commercianti, sarà smantellato a giorni. Le transenne saranno rimosse comunque nonostante per il verde e l’illuminazione ci vorrà ancora qualche settimana. L’intenzione dell´amministrazione è di aprire la strada anche se il collaudo sarà poi effettuato più in là. Prima di Natale l’impresa conta in ogni caso di sistemare l’impianto di illuminazione e mettere a dimora le piantine. Il Genio Civile ha autorizzato i lavori dei plinti di sostegno dei pali dell’illuminazione, alti otto metri e questo avverrà entro la prossima settimana. Poi si procederà con i corpi illuminanti. Tutto insomma procede bene ed i commercianti sono più che mai in fibrillazione perché vogliono subito liberarsi delle transenne che ancora ostruiscono l’arteria. Sono passati undici mesi dall’inizio dei lavori e per molti è stato un calvario anche se il risultato è molto gradevole. I lavori sono costati un milione 300 mila euro ed il ribasso d’asta è stato impegnato per alcune perizie di variante rispetto al progetto originario.

Nella vicenda di via Roma si inseriscono in questi giorni anche alcuni commercianti che sono intenzionati a presentare maxi richieste di risarcimeento per i danni subiti per l´apertura del cantiere. Un commerciante è arrivato ad ipotizzare anche una richiesta di 230 mila euro che formalizzerà a giorni al commissario straordinario del comune. Un indennizzo per mancato reddito che ha già fatto scalpore ma che è indice del malessere di quanti hanno dovuto adattarsi dallo scorso gennaio ad oggi alle esigenze imposte dal cantiere.