Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 22 Luglio 2018 - Aggiornato alle 13:04
RAGUSA - 20/09/2012
Attualità - Problematico il trasferimento dalla stazione alla sede dell’Alberghiero "Principi Grimaldi"

Niente soldi per gli autobus. Per i pendolari scuola difficile

Il Cub trasporti ha avanzato una serie di proposte per facilitare la mobilità degli studenti provenienti da Vittoria, Comiso e Ragusa
Foto CorrierediRagusa.it

Dalla prossima settimana si riproporrà il caso dei quasi 200 studenti che da Comiso, Vittoria e Ragusa raggiungono Modica per frequentare le lezioni presso l’istituto Alberghiero. In queste prime due settimane di scuola il problema è stato tamponato grazie alla disponibilità del commissario straordinario della Provincia che è intervenuto con un sostegno economico per pagare la ditta dei pullman che garantisce il trasporto dalla stazione al quartiere S. Cuore dove si trova la sede del «Principi Grimaldi».

Si tratta di pochi chilometri ma che gli studenti non possono coprire a piedi in tempo utile e soprattutto in condizioni meteo disagiate. La mancanza di un mezzo di collegamento tra il piazzale della stazione e la sede di piazza degli Oleandri della scuola rischia così di vanificare il lavoro profuso perché gli studenti utilizzassero il treno come mezzo di trasporto dalle sedi di residenza a quella scolastica. Una soluzione proposta dal Cub Trasporti a suo tempo che ha funzionato almeno per il collegamento tra i centri in questione e che è stata gradita anche dagli interessati per il buon servizio reso.

Il Cub ha incontrato in questi giorni le autorità scolastiche e l’Ast per risolvere il nodo ma l’azienda da parte sua ha aperto le braccia dichiarando che non ha mezzi e risorse a disposizione. Il Cub ha inoltre posto alcune questioni ancora irrisolte sul tappeto come il potenziamento dei mezzi di Trenitalia in modo che tutti gli studenti possano accedervi, senza bisogno di usufruire del mezzo sostitutivo, l’ ulteriore potenziamento per le giornate di lunedì mattino e sabato pomeriggio, quando partono e rientrano gli studenti del convitto. Necessaria anche una lieve modifica dell’orario di partenza di Vittoria e Comiso, per permettere agli studenti di giungere a Modica un quarto d’ora prima e poter così raggiungere in tempo utile la scuola.

Il nodo più scottante resta comunque quello del collegamento stazione scuola ed al momento non sembrano soluzioni all’orizzonte perché gli enti responsabili non hanno risorse. Bisogna trovare chi paga o 200 studenti resteranno a piedi dopo essersi fatti mezzora almeno di treno dall’ipparino e dintorni.