Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 23 Giugno 2018 - Aggiornato alle 9:56
RAGUSA - 30/05/2012
Attualità - Il Cas ha consegnato gli incartamenti delle tratte da Rosolini a Modica

Lotti Rosolini - Modica: progetto esecutivo all´Anas

Il commissario straordinario del Cas, Anna Rosa Corsello, ha anche confermato la copertura finanziaria dell’opera anche grazie al recente sblocco del finanziamento erogato dalla Ue Foto Corrierediragusa.it

Il progetto dei lotti 6, 7, 8 dell’autostrada Siracusa Gela sono stati consegnati all’Anas. Si tratta del progetto esecutivo sul quale l’Anas dovrà esprimere il proprio parere tecnico, che, almeno sulla carta, dovrebbe essere una formalità visto che il Consorzio Autostrade Siciliane, Cas, ha lavorato a stretto giro con gli uffici tecnici dell’Anas.

La conferma dell’avvenuta consegna dell’incartamento tecnico è stata data dal commissario straordinario del Cas, Anna Rosa Corsello che ha anche confermato la copertura finanziaria dell’opera anche grazie al recente sblocco del finanziamento erogato dalla Ue. I tratti in questione riguardano la Rosolini – Ispica, il tratto tra Ispica e Pozzallo, e la Pozzallo - Modica. Questi ultimi due in particolare assumono un significato storico visto che sono i primi due tratti autostradali che attraverseranno la provincia di Ragusa.

Il finanziamento europeo ha sbloccato in modo decisivo la strada verso l’appalto dell’opera una volta che il progetto esecutivo sarà il via libera dell’Anas. L’Ue infatti ha destinato 196,8 milioni di euro per i tre lotti che coprono i 19,8 km da costruire in aggiunta ai 40 km già in esercizio.
I fondi sono stati prelevati dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale, FESR, costituito proprio per sostenere lo sviluppo delle aree meno avanzate di tutta l’Europa ed in particolare della fascia sud come Italia e Spagna.

Il costo complessivo dell’opera è di 339 milioni di euro e per la parte non coperta dall’Unione Europea è stato finanziato con i fondi FAS destinati alla Sicilia dal governo nazionale per il periodo 2007 – 2013.