Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 20 Aprile 2018 - Aggiornato alle 11:36
RAGUSA - 08/02/2012
Attualità - Il giornalista Paolo Oddo sollevato dall’incarico con effetto immediato

L´ufficio stampa dell´Asp 7 è ufficialmente "defunto"

La decisione è stata assunta dal manager Gilotta Foto Corrierediragusa.it

L´ufficio stampa dell´Azienda sanitaria provinciale 7 di Ragusa è ufficialmente "defunto", almeno per il momento. Non è dato sapere se, forse, "resusciterà", magari con un nuovo addetto stampa. Fatto sta che per il momento il giornalista "storico" dell´Asp ex Ausl Paolo Oddo è stato sollevato dall´incarico, con effetto immediato, su provvedimento del manager Ettore Gilotta. Una decisione che Oddo non ha preso affatto bene, impugnandola nelle opportune sedi.

Riportiamo di seguito il comunicato giunto in redazione da parte di Paolo Oddo:

Con ordine di servizio recapitatomi martedì 07 febbraio 2012 a firma del direttore generale dell’Asp di Ragusa, dott. Ettore Gilotta, il sottoscritto, dopo oltre dieci anni, viene sollevato dalla funzione di addetto stampa dell’Azienda e trasferito al reparto di provenienza, la Radiologia di Modica, per carenza di personale e, persino, con effetto immediato.

Tralasciando per carità di patria ogni considerazione sul merito e sul metodo di tale provvedimento, e non essendo stato sostituito da altro giornalista nell’incarico, ciò significa che l’Ufficio Stampa dell’Azienda Sanitaria provinciale di Ragusa è chiuso da oggi ad ogni effetto di legge.

Ne consegue, infine, che ogni comunicato stampa proveniente in futuro da tale struttura sarà stato emesso da personale – probabilmente garante di qualcosa che al momento preferisco ignorare – privo della professionalità espressamente prescritta dalla Legge che disciplina la comunicazione nella Pubblica Amministrazione".

Paolo Oddo