Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 21 Luglio 2018 - Aggiornato alle 1:00
RAGUSA - 26/09/2011
Attualità - Indecoroso tenere l’immondizia fino a mattinata inoltrata con i mezzi in giro per la città

La raccolta dei rifiuti non va, ad ottobre cambiano gli orari

Gli utenti sono anche a corto di sacchetti e rilevano poca informazione sul servizio

Doveva essere la risoluzione di tutti i mali ma così non è stato. La raccolta differenziata non funziona e bisogna correre ai ripari.

Ci prova il sindaco con una nuova ordinanza che impone la raccolta a partire dal 17 ottobre in nuovi orari; gli operatori della Busso passeranno dalle 4.30 alle 10.30 per evitare che si continui ad avere immondizia sotto i palazzi, rifiuti sparsi per le strade e disagi per i cittadini e soprattutto si dia l’impressione di una città sporca. I cittadini da un lato protestano per i costi della Tarsu, con bollette da 400 euro l’anno in media per famiglia, ma vorrebbero un servizio puntuale e soprattutto essere messi in condizione di conferire l’immondizia in orari e soprattutto con modi acconci.

Gli orari attuali consentono di conferire l’immondizia fino a mattinata inoltrata e anche il pomeriggio e questo non va bene; inoltre alle famiglie mancano i sacchetti di diverso colore per attuare puntualmente la raccolta ed a nulla servono le telefonate presso gli uffici comunali per ottenere i sacchetti come se fossero dei regali di Natale ma il modo più diretto e necessario per realizzare la raccolta. Il sistema è ancora troppo complesso anche se basterebbe andare alla sede della Busso per ottenerli.

Ma la comunicazione nel caso della differenziata a Ragusa è carente perché in molti non sanno come attuarla e soprattutto non sanno a chi rivolgersi per le piccole difficoltà quotidiane. Dopo avere fatto partire il servizio bisognerebbe informare famiglie ed esercenti ma l’unico piano di comunicazione finora esistente è per le scuole. Troppo poco come ha dimostrato finora la prassi quotidiana.