Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 19 Luglio 2018 - Aggiornato alle 22:18
RAGUSA - 22/08/2011
Attualità - A Marina di Ragusa è rivolta, le ordinanze sindacali non vengono fatte rispettare

Incubo movida a Marina di Ragusa, residenti arrabbiati

Interessata una larga fascia del centro marinaro con epicentro Piazza Duca degli Abruzzi Foto Corrierediragusa.it

E’ sempre guerra tra i residenti ed i titolari dei locali notturni a Marina di Ragusa. Impossibile riposare di notte per gli effetti della movida che si protrae fino a note fonda. Da via Tindari a via Napoli, a piazza Duca degli Abruzzi, i cittadini lamentano anche schiamazzi notturni e troppi giovani in preda ai fumi dell’alcol. Una movida da incubo per i tanti residenti che già lo scorso anno avevano inoltrato un esposto alla Procura della Repubblica e al comandante della Polizia municipale.

Dicono i residenti: «Siamo esasperati. La movida è oramai tutte le sere. Non riusciamo a riposare la notte perché il nostro quartiere si è trasformato in un mega bivacco. Centinaia di giovani stazionano dinanzi alle nostre abitazioni e la filodiffusione dei locali pubblici, fino a tarda notte, disturba, e non poco, quanti, e sono tanti, dovrebbero riposare perché al mattino devono alzarsi per andare a lavorare». Una convivenza sempre più difficile tra i gestori dei locali pubblici e i residenti.

Ed ancora: «La notte è un incubo; musica assordante, schiamazzi e urla lungo le stradine; i commercianti hanno il diritto di lavorare ma devono rispettare regole e ordinanze e quanti vivono nel centro storico. Ogni notte è un incubo: musica assordante, schiamazzi e urla lungo le stradine amplificate dalla configurazione delle arterie stradali».

Nell’ordinanza emanata dal sindaco, già lo scorsa estate, è previsto il divieto di somministrazione di superalcoolici dopo le ore 2, mentre per quanto riguarda gli alcolici è possibile la somministrazione fino alle ore 3. Per quanto concerne invece gli impianti di filodiffusione in dotazione dei locali pubblici, che devono essere a noma di legge, l’ordinanza prevede il loro utilizzo da domenica a giovedì fino all’una di notte, mentre il venerdì ed il sabato fino alle ore 2.

I divieti, dunque, ci sono ma chi li fa rispettare ? Il comandante della Polizia municipale, Rosario Spata, assicura che i controlli sono capillari e le multe molto salate per coloro che non rispettano le ordinanze. «Non mi risulta che ci siano locali che non rispettano le ordinanze – dice il comandante Spata - ad ogni modo i controlli saranno ulteriormente intensificati. E’ probabile, invece, che siamo in presenza di rumore antropico causato da fattori esterni tipo la presenza di decine di giovani all’interno di stradine strette. In questo caso anche il vocio si amplifica a dismisura».