Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 22 Febbraio 2018 - Aggiornato alle 0:42
RAGUSA - 09/07/2011
Attualità - Cinquattotto vigili su 77 hanno firmato una petizione contro l’ex assessore comunale

L’ammutinamento del Corpo dei vigili di Ragusa, "No" a Michele Tasca

Non contestano le competenze e l’impegno, ma l’ingerenza e l’eccesso di potere del consigliere con delega alla viabilità. Il sindaco Dipasquale ha accertato e disposto il trasferimento del politico che nel frattempo ha lasciato il Pdl
Foto CorrierediRagusa.it

I 58 firmatari della fronda nei confronti di Michele Tasca (nella foto) riconoscono le capacità e l’impegno profuso dell’ex assessore, ma contestano il suo eccesso di potere e l’ingerenza nell’attività del corpo municipale. A un certo punto, fanno capire i vigili, sembrava di avere due comandanti in un comando: Rosario Spata e Michele Tasca. Silenzio di Spata, ma si sa, in questi casi il silenzio è assenso.

Il singolare episodio è stato tenuto nel massimo riserbo. Eliminata anche la lettera d´entrata al protocollo, la petizione firmata dai vigili, 58 su 74, in sostanza il 77% ha detto no a Tasca allocato nella sede del Comando. Il sindaco Nello Dipasquale è intervenuto personalmente per accertare la situazione e alla fine ha deciso di spostare Tasca in Corso Italia. Dicono che il sindaco abbia contribuito allo svuotamento della stanza di Tasca con le sue mani.

Nel frattempo Michele Tasca, dopo tanti anni di militanza in Forza Italia e poi nel Pdl, autentico serbatoio di voti personali per il partito, ha dato il benservito al Pdl aderendo alla lista civica «Ragusa grande di nuovo» insieme ad Emanuele Di Stefano. La motivazione del divorzio, «i fermenti politici e i toni sempre più aspri». Ma l´adesione di Tasca a Ragusa grande di nuovo lo avvicina ancora di più al sindaco Nello Dipasquale.