Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 20 Gennaio 2017 - Aggiornato alle 17:43 - Lettori online 902
RAGUSA - 22/04/2011
Attualità - Ragusa: Polstrada al lavoro per prevenire incidente gravi o mortali

"Pasqua sicura", i trasgressori rischiano fino a un anno

Saranno impiegate pattuglie in auto ed in moto
Foto CorrierediRagusa.it

Come ogni anno, in vista delle festività scatta l´operazione Pasqua sicura della Polizia stradale, per prevenire incidenti gravi, se non addirittura mortali. Per quegli automobilisti che decidessero di non sottoporsi ai controlli, il Codice della Strada prevede la sanzione penale dell’arresto, da sei mesi ad un anno, la sospensione della patente ed il sequestro del mezzo per la confisca.

Nelle giornate di Pasqua e Pasquetta verranno intensificati i controlli nelle principali arterie viarie e nelle strade provinciali, da parte del personale della Sezione Polizia Stradale di Ragusa e del distaccamento di Vittoria, diretti dal Dirigente Vice Questore Aggiunto Gaetano Di Mauro.

In uno dei periodi dell’anno maggiormente trafficati, saranno impiegate pattuglie in auto ed in moto, al fine prevenire e contrastare i comportamenti pericolosi e di intralcio alla libera circolazione. Mirati controlli verranno effettuati sull’uso dei sistemi di ritenuta e del casco. Le zone maggiormente monitorate saranno le Strade Statali 115, 514 e 194 (nei territori di Ragusa, Modica, Vizzini, Pozzallo, Dicchiara) e la strada provinciale 25 che porta a Marina di Ragusa, ove si prevede un grande afflusso veicolare nei due giorni e, soprattutto al rientro, nelle ore serali., sistemi di rilevamento della velocità che consentono la contestazione sul posto dell’infrazione.

Saranno impiegati i telelaser, e, nelle ore diurne, verranno effettuati controlli con Alcolblow ed etilometri. Si ricorda ai cittadini che, in caso di rifiuto di sottoporsi ai citati test, il Codice della Strada prevede la sanzione penale dell’arresto, da sei mesi ad un anno, la sospensione della patente ed il sequestro del mezzo per la confisca.