Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 17 Novembre 2018 - Aggiornato alle 9:19
POZZALLO - 09/07/2018
Attualità - Nella Camera mortuaria del Cimitero

Pozzallo ha accolto le ceneri del prof. Salesi, morto in incidente

Emozionanti le parole del vice sindaco Giuseppe Giudice Foto Corrierediragusa.it

Commovente cerimonia funebre domenica mattina nella Camera mortuaria del Cimitero, per accogliere le Ceneri del compianto prof. Giovanni Salesi, deceduto il 24 giugno scorso in un incidente stradale nei pressi di Zogno, in provincia di Bergamo. Il prof. Salesi, 58 anni, originario di Pozzallo, insegnava Fisica all’Università di Bergamo, sede di Dalmine, come docente associato. Le ceneri sono arrivate a Pozzallo, dove riposeranno nella tomba di famiglia, tramite il prof. Erasmo Recami, docente di fisica, che nella sua orazione ha elogiato l’impegno per lo studio mostrato negli anni dal prof. Salesi, stimato dai colleghi e dai suoi allievi. Emozionanti le parole del vice sindaco Giuseppe Giudice, nella duplice veste di rappresentante dell’Amministrazione Comunale e di amico del compianto prof. Salesi, e del fraterno amico dott. Michele Borrometi.

LA CRONACA DEL MORTALE INCIDENTE
Quello scontro fatale contro un guardrail lungo la strada principale che conduce in Alta Valle Brembana non gli ha lasciato scampo: è morto così, in un groviglio di lamiere, il docente 58enne Giovanni Salesi, originario di Pozzallo, ma da anni residente nel Bergamasco, dove insegnava fisica all´università di Bergamo. Per cause da accertare, l´uomo ha perso il controllo della sua Ford Focus, finendo fuoristrada e impattando violentemente contro il guardrail. Il 58enne sarebbe morto sul colpo.

Giovanni Salesi lascia l´anziana madre, maestra elementare in pensione. L´improvvisa dipartita del professore Salesi ha lasciato sbigottita la comunità accademica bergamasca, e quanti conoscevano la sua famiglia a Pozzallo.