Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 21 Luglio 2018 - Aggiornato alle 1:00
POZZALLO - 30/06/2018
Attualità - Visitato l’hot spot: tutto molto bello

Il presidente della Camera a Pozzallo: "No chiusura porti"

Il sindaco Ammatuna ha chiesto maggiore attenzione e sostegno Foto Corrierediragusa.it

Visita, in forma privata, all’hotspot del porto di Pozzallo da parte del presidente della Camera Roberto Fico, che è stato accompagnato dal questore di Ragusa Salvatore La Rosa, dal sindaco Roberto Ammatuna e dalla direttrice dell’hotspot Emilia Pluchinotta. Il presidente Fico ha evidenziato la buona efficienza della struttura, complimentandosi con i responsabili. In un breve colloquio, il sindaco Ammatuna gli ha rappresentato il lavoro svolto in questi anni in tema di accoglienza dei migranti, evidenziando come in città non si siano mai verificati episodi di xenofobia o razzismo, avendo da sempre un ruolo di primo piano in nome dell’Italia e dell’Europa. Ammatuna ha anche chiesto, trovando piena disponibilità del presidente Fico, maggiore attenzione e sostegno, anche economico, a favore della comunità pozzallese che continuerà a dare il proprio contributo in tema di accoglienza dei migranti.

"Io i porti non li chiuderei. L´Europa tutta insieme deve farsi carico dei flussi migratori. E l´Italia non può tirarsi indietro ed è qui che vanno aiutate le persone": queste le parole di Fico durante la visita all´hotspot di Pozzallo. L’esponente del M5S ha detto che "Le Ong qui a Pozzallo hanno fatto un lavoro straordinario. Me lo hanno confermato il questore di Ragusa, la prefettura e il sindaco di Pozzallo".

Da fonti vicine a Luigi Di Maio sarebbe emerso che il vicepremier ritenga quella di Fico una presa di posizione a titolo personale e che la linea del governo sia un´altra. Stessa lettura di Matteo Salvini che liquida le parole del presidente della Camera come: "Un suo punto di vista personale". "Non siamo in una caserma, - aggiunge - è giusto che ognuno esprima le proprie idee".