Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 17 Agosto 2017 - Aggiornato alle 0:20 - Lettori online 340
POZZALLO - 17/04/2017
Attualità - Nel fine settimana e anche a Pasquetta grazie alle buone condizioni meteo

Sbarchi continui, quasi 3 mila migranti arrivati in Sicilia

I porti interessati sono quelli di Pozzallo, Augusta, Porto Empedocle, Messina e Catania Foto Corrierediragusa.it

Quasi 3 mila migranti arrivati in Sicilia tra Pasqua e Pasquetta grazie alle buone condizioni meteo. Il sistema del salvataggio con le navi dell’accoglienza è stato messo a dura prova a Pozzallo, Augusta, Catania, Porto Empedocle e Messina. Nelle prime ore di lunedì a Catania sono arrivati 1181 migranti. E´ stata la nave militare tedesca Rhein a trasbordarli fino al porto etneo. A Messina infatti al molo Marconi alle 15 sono attesti 1267 che arriveranno con la nave Phanter; tra loro anche numerosi minori non accompagnati. Sbarchi anche a Porto Empedocle, nell´agrigentino, dove sono stati accolti 451 migranti che erano stati soccorsi nelle acque di fronte il Nord Africa in diverse operazioni. I migranti sono giunti a bordo della nave della Marina Militare «Chimera»

Sabato a Pozzallo sono arrivati 516 migranti a bordo della nave ´Acquarius´. A bordo anche il cadavere di un giovane dell’apparente età di 20-22 anni, morto probabilmente per disidratazione. La salma è stata trasferita nell’obitorio del cimitero di Pozzallo. Una ventina di extracomunitari sono stati ricoverati in ospedale tra cui 15 donne in gravidanza, mentre, gli altri per problemi respiratori e contusioni varie.

Sono 781 i migranti giunti venerdì sera a Siracusa. In 731 sono arrivati al porto commerciale di Augusta, trasportati da nave Dattilo della Guardia costiera che li ha soccorsi nel canale di Sicilia. Di nazionalità subsahariana, tra loro 63 donne e 86 minori non accompagnati. Tutti in buone condizioni, ma le procedure di identificazione e di smistamento nei centri di accoglienza procedono a rilento e sicuramente molti di loro, insieme alle forze dell’ordine, trascorreranno la Pasqua sulle banchine del porto.
Una cinquantina sono stati invece intercettati dalla polizia tra la spiaggia della Marchesa ed Avola, in provincia di Siracusa. I primi trenta sono stati fermati mentre camminavano sulla strada statale. Sono di presunta nazionalità somala e pachistana. Tra loro diversi bambini. Secondo una prima ricostruzione sono stati portati a ridosso della costa con una barca a vela e successivamente a riva con un piccolo gommone.