Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 23 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 20:20 - Lettori online 748
PALERMO - 23/10/2016
Attualità - Alla celebrazione Eucaristica in occasione della memoria liturgica del Beato Giuseppe Puglisi

Monsignor Corrado Lorefice ha ricevuto il Pallio

Gli era stato già consegnato da Papa Francesco lo scorso 29 giugno a San Pietro in Vaticano Foto Corrierediragusa.it

Mons. Corrado Lorefice ha ricevuto il Pallio nella cattedrale di Palermo (foto) alla presenza di centinaia di presbiteri, diaconi e fedeli, presenti alla celebrazione Eucaristica in occasione della memoria liturgica del Beato Giuseppe Puglisi. Nel corso della liturgia, il Nunzio Apostolico in Italia, mons. Adriano Bernardini, ha imposto all´Arcivescovo mons. Corrado Lorefice, il Pallio già consegnatogli dal Santo Padre Francesco lo scorso 29 giugno a San Pietro in Vaticano. Il Pallio è una fascia di lana tessuta a mano che si poggia sulle spalle e si fa poi ricadere davanti sul petto e dietro alle spalle dal significato cristologico: quello del Cristo Buon Pastore che guida il suo gregge.

«L’imposizione del sacro Pallio un tempo riservata al Romano Pontefice adesso viene consegnato agli Arcivescovi metropoliti – ha detto il Nunzio apostolico – in piena comunione con il Santo Padre e della potestà esercitata sulla sua Provincia ecclesiastica. E’ segno del Buon pastore a modello del Divino pastore che ha lavato i peccati del mondo. Caro confratello Corrado sappi conservare il significato profondo dell’insegna che ti è imposta, cioè la comunione con la Chiesa locale e con il tuo presbiterio che è la tua parrocchia». Alla celebrazione Eucaristica hanno preso parte anche i due vescovi emeriti dell’Arcidiocesi di Palermo, i cardinali Salvatore De Giorgi e Paolo Romeo, i vescovi della Metropolia e numerose autorità civili e militari.