Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 28 Maggio 2018 - Aggiornato alle 22:05
PALERMO - 12/12/2012
Attualità - Orazio Ragusa ed i sindaci di Modica e Scicli dal direttore regionale di Poste Italiane

Chiudono uffici postali Marina di Modica e Sampieri

Le amministrazioni hanno avanzato qualche soluzione che appare, tuttavia, di difficile attuazione

Poste Italiane irremovibile. Gli uffici di Marina di Modica e Sampieri devono chiudere. Il giro delle operazioni effettuate presso gli uffici delle due frazioni marinare non giustificano infatti i costi di apertura. Lo ha ribadito il direttore regionale di Poste Italiane, Antonio Foti, ad Orazio Ragusa, parlamentare Udc, al sindaco di Modica, Antonello Buscema e di Scicli, Franco Susino ed al suo vice, Pino Adamo.

Per il direttore regionale la chiusura degli uffici è un atto dovuto e rientra nel piano di razionalizzazione delle spese che Poste Italiane ha messo a punto. I numeri insomma non sono dalla parte degli utenti ma la delegazione iblea ha ribadito con forza che si tratta di un penalizzazione del territorio. Di fronte alla chiusura di Poste Italiane gli amministratori hanno cercato di proporre delle soluzioni proprio per ridurre i costi di esercizio. A Sampieri l’ufficio postale è ubicato in locali comunali e nessun fitto è dovuto; anche per Marina di Modica il sindaco ha prospettato questa soluzione.

I due amministratori, vista la situazione, hanno suggerito l’utilizzo di impiegati comunali a supporto de delle attività dei due uffici postali. Una ipotesi di lavoro che potrebbe essere presa in considerazione da Poste Italiane ma che presenta diversi problemi di natura giuridica per essere realizzata. Situazione dunque complicata per gli uffici di Marina di Modica e Sampieri ed è sempre più probabile, se non scontata la loro chiusura.