Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 19 Novembre 2018 - Aggiornato alle 12:58
MONTEROSSO ALMO - 01/11/2018
Attualità - Un evento che fa riscoprire uno dei borghi più belli d’Italia

A Monterosso è tempo di "Autunno diffuso" di sapori e odori

Sabato tutta una serie di iniziative alla scoperta del borgo Foto Corrierediragusa.it

Autunno diffuso per la scoperta di sapori e profumi. A Monterosso Almo si tiene sabato l’evento che vuole fare scoprire uno dei borghi più belli d’Italia. Si comincia nel pomeriggio di sabato con un incontro di benvenuto nel welcome point del borgo rurale, affacciato nella scenografica Piazza San Giovanni, tra architetture barocche, ottocentesche e neoclassiche. Si procede con una passeggiata per le vie del borgo, i caratteristici vicoli pavimentati a basolato, alla scoperta di scorci suggestivi, monumenti e palazzi, testimonianze di un’ antica nobiltà e della trascorsa borghesia terriera.

Si entra nel vivo della festa a Palazzo Cocuzza, il Centro Culturale Polifunzionale del borgo, sede del museo etnografico, del museo di arte e storia contadina e della pinacoteca comunale: qui dopo una conversazione sui sapori e i profumi di Monterosso Almo sarà possibile degustare «l’oro degli iblei» , il rinomato olio d’oliva del territorio, insieme alle altre specialità del luogo. Il miele e i suoi derivati, i capperi, lo zafferano, la cicerchia - legume ormai raro, alla base di una polenta dal gusto unico - , i biscotti e il pane della tradizione di pasta dura e le speciali mandorle di Monterosso: questa varietà di mandorla siciliana è coltivata rispettando gli antichi metodi di coltura tradizionale e sarà possibile, in occasione dell’Autunno Diffuso, assaggiare le mandorle vincitrici del Premio Qualità Agroalimentare del Mediterraneo.

Tra gusti e colori d’autunno, si prosegue con la Cena diffusa, rigorosamente caratterizzata dai piatti tipici di Monterosso Almo: i cavateddi, pasta fatta in casa, la carne di cinghiale, agnello o maiale, la salsiccia e gli immancabili funghi.