Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 14 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 23:16
MODICA - 02/12/2018
Attualità - L’esordio della stagione teatrale è un successo

Tuccio Musumeci e Pippo Pattavina, due istrioni al "Garibaldi"

Il testo di Camilleri "Filippo Mancuso e Don Lollò" esalta i due attori catanesi Foto Corrierediragusa.it

Due istrioni sul palcoscenico del teatro «Garibaldi». Non poteva esserci migliore esordio per la stagione 2018-2019 perché Tuccio Musumeci e Pippo Pattavina (da dx nella foto) hanno dato il meglio di sé in «Filippo Mancuso e Don Lollò», piece teatrale «cucita» proprio su di loro da Andrea Camilleri. Le doti mimiche, interpretative, linguistico-dialettali dei due protagonisti hanno esaltato il testo ricco di equivoci, giochi di parole, sottintesi e rimandi alla fortunata serie del commissario Montalbano risultando in tutto esilarante per il pubblico del Garibaldi, che ha riempito il teatro nelle due serate programmate. Pattavina e Musumeci sono da decenni coppia collaudata del teatro siciliano e grazie anche al loro consolidato sodalizio si muovono in simbiosi e con grande naturalezza facendo sembrare semplice quello che semplice non è. L’esito è dei migliori e sempre una garanzia per il pubblico e per la riuscita dello spettacolo.

Anche l’esile e quasi scontata vicenda di Don Lollò e di Filippo Mancuso è quasi un pretesto per fare teatro ed entrambi gli attori ne sono quasi consapevoli quando alla fine interrompono la loro performance rivolgendosi al pubblico chiedendo come mai è rimasto ad ascoltare per due ore battute ed esibizioni. Una domanda scontata, quasi di autocompiacimento, per la quale i due attori sono consapevoli di meritare un’ultima risata e che il pubblico gradisce tributando ai due attori catanesi scoscianti applausi insieme ai bravi attori che li hanno assecondati al meglio: Franz Cantalupo, Lorenza Denaro, Luciano Fioretto, Margherita Mignemi e Riccardo Maria Tarci.