Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 13 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 23:16
MODICA - 28/11/2018
Attualità - Emersi i punti critici del servizio avviato da circa 9 mesi

Seduta aperta del consiglio comunale sulla differenziata

Formulate alla ditta appaltatrice del servizio oltre 700 contestazioni di inadempienza contrattuale Foto Corrierediragusa.it

Più informazione, un aumento del numero di carrellati, più velocità negli svuotamenti degli stessi e oculatezza nei provvedimenti punitivi, ovvero le sanzioni a carico di chi sgarra: è stata una seduta molto intensa quella del consiglio comunale aperto alla partecipazione dei cittadini sulla raccolta differenziata, avviata da quasi nove mesi. L’aumento delle percentuali di differenziata è un fatto assodato, ma le criticità restano soprattutto nelle periferie. Altro dato di fatto è quello che ha riferito Dario Modica, nella sua qualità di responsabile per l’esecuzione del contratto (Dec) che ha formulato alla ditta appaltatrice del servizio oltre 700 contestazioni di inadempienza contrattuale, e di avere applicato trattenute, rispetto alle richieste di pagamento, per un milione e mezzo di euro per l’anno passato.

I rilievi dei cittadini manifestati attraverso le parole dei consiglieri dell’opposizione che hanno richiesto la seduta aperta si incentrano soprattutto sulla urgenza di installare mastelli di prossimità più capienti e più numerosi, dislocati con maggiore oculatezza per coprire il maggior numero di utenze e la raccolta quotidiana di umido e indifferenziato visto che in alcune zone i mastelli traboccano e i cittadini sono costretti a lasciare l’umido sui marciapiedi rischiando di incorrere in multe salate aggiungendo così un danno al disservizio patito. Il sindaco Ignazio Abbate ha dunque rivendicato l’avvio della raccolta differenziata con risultati comunque soddisfacenti rispetto alla situazione precedente. Si lavorerà adesso con la ditta appaltatrice per venire incontro alle legittime esigenze emerse nell´ambito della partecipata seduta.