Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 22 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 14:02
MODICA - 06/10/2018
Attualità - In totale 5 milioni 716.000 euro

Danni maltempo 2016: ecco quanto spetta a Ragusa, Modica e Scicli

L’iter da seguire prevede per i privati la presentazione della modulistica entro il 23 ottobre Foto Corrierediragusa.it

I danni certificati a causa del maltempo del 22 gennaio di due anni fa ammontano a 5 milioni 716.000 euro. I comuni interessati sono 4. La quota minima è riservata al comune di Marineo in provincia di Palermo con 23.100 euro mentre tutto il resto, ovvero 5 milioni 94.000 euro, sono destinati a tre comuni iblei. Modica ha la maggior quota con 4 milioni 371.000 euro, segue Scicli con un milione 96.000 euro, poi Ragusa con 225.000 euro. Il riconoscimento della quantificazione dei danni, così come comunicati prima dalla Regione a Roma, dopo i sopralluoghi della Protezione civile, e poi deliberati dal Consiglio dei Ministri, non vuol dire, tuttavia, che tutta la somma andrà a chi ha avuto case e proprietà danneggiate dal maltempo. Come si legge nella circolare della Protezione civile del 25 settembre, infatti, solo il 26,69% della somma accertata sarà riconosciuta. In pratica arriveranno poco più di un milione 300.000 euro in totale che saranno ripartiti in maniera proporzionale.

Modica potrà avere circa 900.000 euro e così per gli altri comuni. Non saranno, inoltre, soldi accreditati alle casse dei comuni interessati, ma le amministrazioni comunali sono state autorizzate ad accedere ad un mutuo specifico agevolato per lo Stato tramite alcune banche che lo concederanno con questa specifica finalità. Un iter piuttosto complicato che farà allungare i tempi. I privati che hanno subito i danni potranno presentare domanda entro il 23 ottobre e dovranno poi attendere che il comune accenda il mutuo, che la banca lo conceda e che infine si passi all’assegnazione di un quarto circa del danno certificato.