Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 14 Agosto 2018 - Aggiornato alle 15:15
MODICA - 06/08/2018
Attualità - Gli auguri di un modicano d’eccezione: il già sindaco Torchi

La Taverna Nicastro a Modica festeggia i suoi primi 70 anni!

Una delle poche tradizioni culinarie che resistono Foto Corrierediragusa.it

Domenica scorsa la grande tradizione culinaria della famiglia Nicastro ha celebrato i suoi primi 70 anni: a fare gli auguri per questo prestigioso traguardo è un modicano d´eccezione, ovvero il già sindaco di Modica Piero Torchi, che, sul suo profilo Facebook, ha scritto una breve ma esaustiva nota sulla storia dello storico locale, che vi proponiamo integralmente di seguito:

"La Taverna Nicastro (orgogliosamente Taverna!) e Modica rappresentano un binomio indissolubile. Una storia comune che parla di accoglienza, di qualità, di famiglia e di quel «genius loci» che anche la valenza culturale ed identitaria della cucina sa dare. In tanti anni, prima Don Michele e la sua istrionica consorte, oggi i figli, attenti custodi della tradizione paterna, hanno deliziato migliaia di palati, credendo in Modica Alta e trasformando una scalinata buia e defilata in un posto incantato che nulla ha da invidiare ad alcuni scorci romani o alle viuzze più rinomate di Umbria e Toscana.

Un’atmosfera magica che si nutre di cibo; non di un cibo qualunque ma di quello buono e sano: il rinomato coniglio, il sugo di maiale che sublima ravioli e cavatelli rigorosamente fatti a mano, e le scacce; mio Dio quelle scacce: chi non le ha mai assaggiate, chi non ha mai provato il tomasino di ricotta, non sa nulla del gusto degli dei. Tra quei tavoli si sono seduti in tanti: potenti di passaggio, turisti incantati, generazioni di modicani. Nessuno, mai nessuno, è tornato indietro per lamentarsi. Sarebbe come se, andando via dalla città, si fosse girato indietro e non avesse provato un impeto di nostalgia per le sue impareggiabili bellezze".