Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 16 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 22:58
MODICA - 04/08/2018
Attualità - Interviene il consigliere comunale Marcello Medica

Pini via Aldo Moro sradicati: per M5S intervento andava fatto

Andava privilegiata la concertazione Foto Corrierediragusa.it

Mentre impazza sui social la polemica sull’abbattimento dei pini di via Aldo Moro, sulla vicenda interviene il consigliere comunale del M5S Marcello Medica, secondo cui "Il problema del manto stradale deformato della suddetta via andava, una volta per tutte, risolto, prima di sfociare, magari, in spiacevoli, gravi o addirittura tragici fatti. In questi casi è pacifico che non sia ammissibile mettere a repentaglio l’incolumità pubblica per degli alberi piantati e cresciuti in un posto sbagliato. Tuttavia - prosegue Medica - non si accetta il metodo di scelta adottato dall’amministrazione comunale, calato dall’alto e senza consultare la cittadinanza, magari, attraverso i rappresentanti delle associazioni ambientaliste, dimenticandosi che un albero è patrimonio di tutti e come tale va trattato.

Sarebbe stato sicuramente più sensato, prima di procedere all’abbattimento dei suddetti pini, valutare, magari, la possibilità di estirparli per trapiantarli in un parco pubblico, come ad esempio nel parco Collina Monserrato, tra l’altro ancora incompleto e inutilizzato, nonostante l’ingente investimento di quasi un milione di euro. A questo punto, però, non resta che vigilare affinché al posto dei pini abbattuti vengano al più presto piantati altrettanti alberi dalle radici non invasive, così come dichiarato dall’assessore Lorefice, e non accada quanto è invece avvenuto in altre vie cittadine (via Fabrizio, via Alcide De Gasperi, ecc…) dove all’abbattimento non è, purtroppo, seguito alcun rimpiazzo, desertificando la zona, mortificando - conclude Medica - l’ambiente circostante e peggiorando il decoro urbano. Il consigliere comunale grillino, chiede, intanto, la piantumazione di tutti gli alberi sin qui abbattuti e non ancora rimpiazzati in tutte le zone della città.

SRADICAMENTO PINI, PER LOREFICE "SCELTA NECESSARIA"
Una scelta radicale ma necessaria. I pini che costeggiavano la via Aldo Moro al quartiere S. Cuore sono stati sradicati. Al loro posto in autunno saranno piantumate altre essenze meno invasive e meno «espansive». Le radici dei pini avevano creato ormai dei veri e propri avvallamenti sulla sede stradale per l’infiltrarsi delle radici che tendono per natura ad espandersi e a sollevare il terreno. Negli anni si sono rivelati poco inutili o quasi gli interventi di ripristino del manto stradale. Da qui la decisione , come già avvenuto in via Fabrizio, di estirpare gli alberi e procedere alla loro sostituzione.

«L´intervento era ormai necessario – dice l´assessore all’Ecologia Pietro Lorefice – perchè ormai le deformazioni del manto stradale erano insostenibili. Come abbiamo già fatto in altre zone della città per ogni albero tolto ce ne sarà uno nuovo con altre caratteristiche. Il nostro obiettivo non è certo quello di disboscare Modica ma anzi di prevedere un verde più compatibile con la sicurezza stradale e più adatto al nostro territorio». L’intervento ha sorpreso, tuttavia, i residenti del quartiere e soprattutto gli automobilisti visto che il traffico nel corso dell’intervento di ruspe ed operai è stato deviato ed ha subito rallentamenti essendo la via Moro una arteria vitale per tutta la viabilità del quartiere S. Cuore.