Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 12 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 23:58
MODICA - 26/06/2018
Attualità - Intenso programma per il patrono tra riti religiosi ed eventi

Festa di San Pietro: arcivescovo Corrado Lorefice a Modica

La funzione eucaristica di venerdì sarà presieduta dall’ex parroco Foto Corrierediragusa.it

La festa di San Pietro entra nel vivo e vivrà il suo culmine venerdì con la solenne processione che interesserà il centro storico cittadino. A presiedere la funzione eucaristica di venerdì alle 19 l’arcivescovo di Palermo, mons. Corrado Lorefice, già parroco di S. Pietro e sempre molto atteso nella sua ex parrocchia. Mons. Lorefice non ha voluto mancare l’appuntamento ed incontrerà i giovani e gli ex parrocchiani. In preparazione della giornata della festa si tiene il triduo tenuto dal parroco, frate Antonello Abbate. Giovedì giornata della vigilia riguardante la solennità degli apostoli Pietro e Paolo, alle 19, nella chiesa di San Paolo, ci sarà la celebrazione eucaristica presieduta da mons. Romano Penna, biblista. Alle 20 l’uscita del simulacro di San Paolo e la traslazione verso la chiesa Madre in considerazione del fatto che il giorno successivo la processione sarà caratterizzata dalla presenza di entrambi i simulacri, quelli dei santi Pietro e Paolo. Tra le iniziative culturali inserite nel calendario dei festeggiamenti, da segnalare, mercoledì 27 giugno, alle 21, lungo la scalinata di San Pietro, il concerto di mercoledì sulla scalinata della chiesa eseguito dal corpo bandistico Città di Modica «Belluardo-Risadelli» diretto dal maestro Corrado Civello.

Sabato sera è stato molto apprezzato lo spettacolo itinerante tratto dal musical «Forza Venite Gente» (foto) che la compagnia del Piccolo Teatro ha proposto tra chiese e vicoli. Lo show ha preso le mosse dalla chiesa di San Paolo sino a spostarsi verso la chiesa Madre di San Pietro. E’ stata una rappresentazione coinvolgente e soprattutto è servita a ribadire con forza il messaggio spirituale del poverello d’Assisi che, ancora, a distanza di secoli, possiede una forza straordinaria. Uno spettacolo fortemente voluto dal parroco di San Pietro apostolo per fare conoscere a tutti i particolari del carisma francescano.