Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 24 Settembre 2018 - Aggiornato alle 15:52
MODICA - 26/06/2018
Attualità - La mostra dell’artista di Gent alla galleria di via Campailla

Martens dalle Fiandre agli Iblei a cavallo delle nuvole

Le tele raccontano del rapporto tra l’artista con il cielo e con il suo elemento più naturale Foto Corrierediragusa.it

Sylvie Martens dalle Fiandre alla Sicilia a cavallo delle sue nuvole. «Osservando le nuvole (Pieces of Heaven)» è il tema della mostra ospitata nei locali di via Campailla (ex DirArte) che presenta le raffinate opere dell’artista di Gent. La mostra, già presentata nella elegante galleria Francis Maere Fine Arts di Gent, propone 30 opere realizzate tra il 2014 ed il 2018. Le tele raccontano del rapporto tra l’artista con il cielo e con il suo elemento più naturale e certamente più visibile ed ispiratore. Elemento letterario per eccellenza le nuvole assumono per la pittrice belga colorazioni ora sfumate, ora decise nei toni ora grigi ora cupi, quasi a testimoniare uno stato d’animo cangiante ma sempre in sincronia con il cielo. Non cambiano solo i colori ma soprattutto le forme perché Sylvie Martens nelle nuvole che vagano per il cielo legge somiglianze che rimandano a visioni della natura così come si materializzano nel vortice atmosferico ma forse anche come sono vissute nell’intimità dell’artista. Nuvole ispiratrici, dunque, nella loro levità che distendono e ci fanno riconciliare con un mondo che spesso e volentieri è dimenticato da un’umanità che corre e dimentica di fermarsi a guardare sopra di sé ma soprattutto dentro.

La mostra è visitabile fino a fine mese e prosegue il progetto avviato da Peppe Lo Magno con «The light of Siciliy», che ha presentato i pittori del sud est siciliano nella città fiamminga grazie anche all’entusiasmo ed alla collaborazione di Giovani Giannì e Giovanna Zacco, che ha curato l’elegante catalogo.