Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 25 Settembre 2018 - Aggiornato alle 18:05
MODICA - 11/05/2018
Attualità - Le riprese delle nuove puntate della fiction nella zona della chiesa di San Giorgio

Festa a Modica con luminarie e matrimonio per Montalbano!

Le più emozionanti e corali tra le scene girate a Modica sono quelle con la trentina di comparse selezionate tra i 320 partecipanti al cast Foto Corrierediragusa.it

C’è una festa e il centro del paese è pieno di luminarie, con tanta gente in giro. Il commissario Montalbano non si ferma, la sua indagine va avanti insieme al suo braccio destro Mimì Augello, che lo cerca per le vie del paese. Festa nella festa un ricevimento per un matrimonio in un albergo con invitati debitamente in abito scuro. Le scene in successione sono quelle girate nei pressi della chiesa di S. Giorgio che fa da sfondo e nell’omonimo albergo, che, per l’occasione, si è trasformato in location della nuova puntata della serie televisiva (foto). Salvo Montalbano, al secolo Luca Zingaretti, nel frattempo si rilassa e non tradisce alcun affanno. La giornata calda e il sole che picchia non gli rovinano il buon umore, forse perché pensa ancora al vassoio di macallè che il sindaco di S. Croce gli ha offerto e che non è riuscito ancora a smaltire.

«L’altro capo del filo» e «Una storia del ‘43» sono i due nuovi episodi della 13ma stagione della fiction ispirata dai romanzi di Andrea Camilleri. Il primo episodio è ispirato dal romanzo «Il centesimo», pubblicato nel 2016, e affronta un tema di grande attualità, quello dei migranti, mentre l’altro è tratto dal racconto «Being Here» e da altri racconti presenti all’interno della raccolta «Un mese con Montalbano». Il secondo episodio tratta di un emigrato siciliano partito per l’America durante la Seconda guerra mondiale e che torna a Vigata. Scicli, Porto Empedocle, Ibla, Punta Secca, Modica e l’entroterra ibleo sono i consueti e collaudati luoghi in cui la camera da presa di Alberto Sironi si muove con sapienza e molta confidenza.

Le più emozionanti e corali tra le scene girate a Modica sono quelle con la trentina di comparse selezionate tra i 320 partecipanti al cast e che si sono presentati alle prove. Non solo ragusani, ma aspiranti attori provenienti anche dal Siracusano con al seguito mogli, fidanzati e figli. Un giorno da ricordare con Montalbano con selfie, video e un panino nella snervante attesa dei protagonisti che si concedono un ricco buffet sulla terrazza mozzafiato con vista su S. Giorgio. Zona interdetta al traffico veicolare da e per Modica Alta, dirottato su strade alternative, tra cui quella del viadotto Nino Avola.