Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 24 Settembre 2018 - Aggiornato alle 15:54
MODICA - 05/05/2018
Attualità - "Armati" di idropulitrice e ramazza hanno lavato via olio per friggere e gesso

VIDEO Scalinata di S. Giovanni ripulita da 3 volontari

Erano stati 3 minorenni (poi individuati e denunciati dalla polizia) ad imbrattare il sito Foto Corrierediragusa.it

Sono arrivati così, in punta di piedi, perché quell’orrendo spettacolo della scalinata di San Giovanni Evangelista, imbrattata di olio e di gesso, andava eliminato. Così, tre volontari di Modica Alta, Giuseppe, Concetto e Peppe (foto), hanno riportato la scalinata al suo originario splendore (vedere video)



I tre volontari hanno quindi deciso di dare un “colpo di spugna” alle conseguenze di quel fatto di cronaca che quasi tre settimane fa ha visto protagonisti tre minorenni (poi individuati e denunciati dalla polizia) che, in preda ad un attacco di dabbenaggine, hanno versato quasi 50 litri di olio per frittura sulla scalinata della chiesa, tamponato poi da chi di dovere, con una massiccia quantità di gesso in polvere che neanche il maltempo da allerta gialla di questi giorni è riuscito a lavare via.

Un enorme pastone, che, oltre ad offrire uno spettacolo indecoroso, era diventato pericoloso per i passanti e impraticabile per il normale svolgimento delle funzioni religiose. Ha detto uno dei volontari: "La Chiesa di San Giovanni Evangelista è una delle più belle dell’intero val di Noto e vedere ridotta così la sua maestosa scalinata, anche solo per un giorno, mi fa piangere il cuore, ci aspettavamo che qualcuno di quelli che contano facesse qualcosa, ma abbiamo capito che se hai amore per ciò che è importante e ti appartiene, almeno nell’animo, devi agire subito, con il cuore".

Certo, non si trattava di un opera di restauro o di ripristino architettonico, ma di un semplice lavoro di acqua e ramazza, quello che i tre volontari hanno fatto, dal pomeriggio alla notte con palette, tanto olio, questa volta, di gomito e la benedizione di Dio.