Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 24 Agosto 2017 - Aggiornato alle 1:19 - Lettori online 462
MODICA - 19/07/2017
Attualità - Lavoratori in cassa integrazione

Riaprono i cantieri della Sr Gela, ma "a singhiozzo"

Sulla vicenda intervengono anche Cgil, Cisl e Uil Foto Corrierediragusa.it

Il blocco non ci sarà, il rallentamento sì. La Cosedil apre i cantieri della Siracusa-Gela in costruzione ma potrà procedere "a singhiozzo". La riunione del tavolo tecnico costituito in Prefettura è servita a fare chiarezza e ad assumere impegni precisi da parte dei principali attori della vertenza attualmente esistente tra il Cas e la Cosedil, il consorzio di imprese cui è affidata la realizzazione dei tre lotti da Rosolini a Modica. Il Cas si è innanzitutto impegnato a pagare uno stato di avanzamento di circa 19 milioni entro la fine del mese per consentire il pagamento di maestranze e forniture. Dal suo canto i funzionari del Cas presenti hanno messo in guardia la Cosedil sulla chiusura dei cantieri perché questo passo potrebbe ad una violazione del contratto di appalto con tutte le conseguenze del caso. Chiariti questi due punti nodali i rappresentanti del Cas, della Cosedil ed i direttori dei lavori terranno in questi giorni vari sopralluoghi in territorio di Ispica, Pozzallo e Modica per cercare di superare gli intoppi burocratici che hanno portato l’impresa appaltatrice ad annunciare la sospensione dei lavori sollevando la reazione di forze politiche, sindacali e della stessa opinione pubblica.

Sono state compulsate Enel e Telecom per la rimozione di cavi ed attraversamenti che hanno comportato una frenata ai lavori di cantiere. Tutto rinviato a metà settembre, invece per l’apertura del cantiere sulla Modica-mare in contrada Zappulla. L´arteria nota come Modica mare difatti resterà aperta per tutto il periodo estivo, in quanto densamente trafficata.

Sulla vicenda intervengono anche i sindacati di Cgil, Cisl e Uil. In una nota congiunta fanno sapere che "I lavori del lotto autostradale Rosolini Modica saranno sospesi a tratti, laddove si registrano le criticità e nelle prossime ore Cas e Cosige metteranno a punto una mappatura delle aree di crisi e quindi l’inizio delle sospensioni parziali dei lavori. I lavoratori in attività nei tratti che saranno sospesi beneficeranno della cassa integrazione. L’Anas si è impegnata a trasferire diciotto milioni di euro, la prossima settimana, al Cas e quindi questo consentirà all’impresa di poter andare avanti nei lavori.

Queste le notizie comunicate dal Prefetto di Ragusa, Maria Carmela Librizzi a una delegazione di sindacalisti (Peppe Scifo, segretario generale della Cgil, Giorgio Bandiera, segretario generale aggiunto Uil, Carlo Spinello, segretario provinciale della Filca Cisl e Cettina Raniolo,segretaria territoriale della Cisl Ragusa) dopo l’incontro avuto con i rappresentanti, riunione durata due ore, del Cas, della Cosige e dell’Anas avente ad oggetto i lavori di completamento del lotto autostradale Rosolini – Modica per i quali la Cosige aveva annunciato la sospensione con il rischio di licenziamento delle maestranze.

Maestranze che, mercoledì pomeriggio - prosegue la nota - hanno presidiato con in sit-in lo spazio antistante la Prefettura di Ragusa (foto). «Siamo moderatamente ottimisti dall’esisto della vicenda, commenta la delegazione sindacale ricevuta dal prefetto di Ragusa, che riguarda il completamento dei lotti dell’autostrada Rosolini Modica. Le parti hanno ammorbidito le loro posizioni e stanno cominciando a dialogare sul merito delle questioni critiche che stanno sul tavolo. Un grande lavoro sta compiendo il Prefetto di Ragusa per cercare di unire le posizioni e il nostro compito è quello di monitorare la situazione attraverso le categorie.

Il quadro è più incoraggiante rispetto alle posizioni iniziali ma dobbiamo stare vigili. La presenza dei lavoratori del cantiere - chiude le nota - ci incoraggia e ci sostiene per andare avanti con sempre maggiore determinazione».