Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 16 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 22:06 - Lettori online 879
MODICA - 03/07/2017
Attualità - Scambio delle consegne tra l’uscente Silvio Ciarcià e il nuovo presidente Filippo Castellet

Rotary Modica gestirà centro servizi alla stazione

Il progetto prevede una mensa, un ambulatorio medico e un’aula studio per attività di doposcuola Foto Corrierediragusa.it

Il Rotary Club di Modica avrà in affidamento da Ferrovie dello Stato, a titolo gratuito, il primo piano della stazione ferroviaria della città per la costruzione di un centro polifunzionale in cui attivare servizi di assistenza ai più bisognosi. Il progetto prevede la realizzazione di una mensa, un ambulatorio medico e un’aula studio per attività di «doposcuola». Saranno i soci stessi del club a mettere a servizio di chi ha più bisogno la propria professionalità, gestendo le varie attività in programma.

L’iniziativa è stata presentata nel corso della cerimonia del passaggio delle consegne del Rotary Club di Modica, tenutasi presso il Chiostro di Santa Maria del Gesù tra il presidente uscente Silvio Ciarcìà e il nuovo Presidente, Filippo Castellett (foto), che ha presentato il programma che lo vedrà al timone del club per l’anno 2017/2018. Il presidente Castellet ha detto nel corso del suo intervento: »Il centro polifunzionale è un sogno che coltiviamo da tempo. Siamo riusciti ad avere la concessione dell’immobile, ma ancora c’è tanto lavoro da fare per ristrutturare lo stabile e renderlo idoneo e a norma prima di espletare le attività del centro. Per finanziare questo progetto e altri in cantiere contiamo sulla grande sensibilità degli operatori economici del territorio, molti dei quali hanno già manifestato interesse.

Tre le attività per l’anno sociale 2017-2018 il club ha previsto anche il recupero dell’Orto Botanico di Modica (secondo in Sicilia dopo quello di Palermo sin dai tempi della Contea di Modica), il quale verrà poi affidato ad una cooperativa del quartiere ove insiste lo stesso orto per la sua manutenzione e fruizione scolastica e turistica. Inoltre è previsto anche l’allestimento e posizionamento di colonnine fisse con defibrillatore nei luoghi di maggiore afflusso di persone della città.