Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 12 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 19:32 - Lettori online 798
MODICA - 28/05/2017
Attualità - Protocollo d’intesa firmato tra l’ente e l’Assessorato Regionale

Parco Cava d´Ispica: se ne occuperà il comune

Il sindaco Abbate: "Abbiamo il dovere morale di valorizzare il più possibile le nostre bellezze storiche e paesaggistiche" Foto Corrierediragusa.it

Un protocollo d’intesa firmato tra il Comune di Modica e l’Assessorato Regionale dei Beni Culturali consentirà all’Ente di Palazzo S.Domenico di poter intervenire direttamente per la pulizia, la salvaguarda ed il decoro del Parco Archeologico di Cava d’Ispica. Nell’accordo sono compresi gli interventi più urgenti da realizzare, quelli legati al ripristino del parcheggio di proprietà demaniale a servizio del Parco e quelli che riguardano il rifacimento degli argini del torrente che sono crollati dopo gli eventi alluvionali dello scorso mese di gennaio. In considerazione del fatto che il Comune di Modica ha ottenuto il riconoscimento dello stato di calamità naturale ed il relativo riconoscimento dei fondi necessari per realizzare opere di riparazione e ricostruzione e appurata l’impossibilità da parte del Dipartimento Beni Culturali, per manca di fondi, di poter intervenire direttamente sul Parco Archeologico, si è trovata la soluzione più logica, cioè quella di concedere al Comune di intervenire grazie ai fondi che arriveranno per i danni alluvionali. In tal modo Cava d’Ispica tornerà a breve fruibile in pieno, così come era prima dello scorso 22 gennaio. In cambio degli interventi, Palazzo S.Domenico avrà a disposizione la possibilità di organizzare o patrocinare gratuitamente 25 eventi in tutte le aree del Parco di Cava d’Ispica.

«Come Comune abbiamo il dovere morale di valorizzare il più possibile le nostre bellezze storiche e paesaggistiche - ha dichiarato il sindaco Ignazio Abbate - e per tale ragione, dopo varie interlocuzioni con la dottoressa Bonanno, che ringrazio per la sua disponibilità, siamo arrivati ad una soluzione che soddisfa entrambe le parti. L’alluvione ha danneggiato quello che eravamo riusciti a costruire con molti sacrifici in tutta la zona di Cava d’Ispica, diventata fiore all’occhiello del turismo archeologico e paesaggistico.

Vogliamo riportare il nostro Parco al più alto splendore possibile e ciò sarà possibile grazie ai fondi che ci arriveranno grazie al riconoscimento dello stato di calamità. Grazie a questa convenzione - ha concluso il primo cittadino - potremo intervenire direttamente accelerando i tempi».