Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 20 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 9:12 - Lettori online 985
MODICA - 25/05/2017
Attualità - Si inaugura venerdì alle 19 all’ex convento del Carmine di Piazza Mattteotti

"I Sarnari di Sarnari" in mostra in centro storico a Modica

Ripercorre la vena artistica del’autore che ha voluto presentare i dipinti della sua collezione privata Foto Corrierediragusa.it

Si inaugura venerdì alle 19 presso l’ex Convento del Carmine, in Piazza Matteotti, la mostra dedicata a Franco Sarnari (foto) dal titolo «I Sarnari di Sarnari». La mostra, promossa dalla Fondazione Teatro Garibaldi, ripercorre la vena artistica del’autore che ha voluto presentare i dipinti della sua collezione privata.

L’esposizione, a cura di Paolo Nifosì e Tonino Cannata, presenta molte opere inedite per un excursus che ripercorre decenni dell’arte di Sarnari a partire dalla fine degli anni ’50 del Novecento. E’ una esperienza di storia individuale, ma anche collettiva, sociale, anni vissuti tra Roma e la Sicilia, isola dove il pittore si è trasferito nei primi degli anni ’70, raccontati attraverso la pittura; si tratta dunque di una mostra-evento che celebra l’ingegno creativo e la personalità di uno degli artisti contemporanei più apprezzati.

Si tratta dunque di un evento artistico in cui si rende omaggio all’arte di Sarnari e alla sua evoluzione, alla sua ricerca. Dice il critico Paolo Nifosì nella sua presentazione: «Il verbo sottrarre è un modo di iniziare a comprendere l’opera di Franco Sarnari, sottrarre per affermare una sua verità sulla contemporaneità, sottrarre per negare, sottrarre per entrare nella vita con una nuova percezione, quella che definisce il «tempo ripetuto», in cui ridiscute lo spazio-tempo, tema centrale della fisica del Novecento, tema che diventa fatto espressivo che nel suo procedere va dall’intuizione alla consapevolezza, dal fare avvertito come urgenza, come necessità, alla chiarezza delle sue riflessioni». La mostra sarà fruibile tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 21, mentre il sabato e la domenica sarà effettuato orario continuato dalle 10 alle 21.