Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 16 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 22:06 - Lettori online 858
MODICA - 20/05/2017
Attualità - Dopo l’audizione all’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente

E´ efficace la variante al Prg di Modica

Tale efficacia avrà durata sino a quando non interverrà il pronunciamento definitivo il 27 dicembre 2017 Foto Corrierediragusa.it

Al compimento del quarantesimo anno di età, sembra arrivato il momento del «pensionamento» per il piano regolatore generale del Comune di Modica, approvato proprio nel 1977. Dopo l’audizione del Sindaco Ignazio Abbate lo scorso mercoledi all’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente, su richiesta del Consiglio Regionale dell’Urbanistica, è emerso che la variante generale del Prg, trasmessa in precedenza dal Comune di Modica, è divenuta efficace. Tale efficacia avrà durata sino a quando non interverrà il pronunciamento definitivo, fissato per il 27 dicembre 2017, da parte dell’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente. Nel caso in cui il pronunciamento non dovesse intervenire entro tale data, l’efficacia del nuovo Prg diventerebbe definitiva. L’Assessore Giorgio Belluardo dichiara: «Prendiamo atto che dopo tanti anni di attesa e di lavoro svolto dai tecnici e dagli uffici competenti, siamo arrivati ad un punto certo: l’efficacia del nuovo Piano Regolatore. Attendiamo ormai l’ultimo pronunciamento nel mese di dicembre 2017 con la possibilità di porre all’attenzione del Cru (Comitato regionale urbanistico) un aggiornamento cartografico dello stato attuale della città, visti i tempi così prolungati tra le adozioni e le approvazioni dei Piani Regolatori. Sono fiducioso - conclude - che questo sarà un momento di transizione importante per lo sviluppo e la crescita urbanistica della nostra città».

Per il Sindaco Abbate «Il lavoro svolto, grazie anche alle osservazioni presentate in gran quantità da parte dei privati e l’aggiornamento cartografico con l’attualizzazione del piano, andrà a sanare le perplessità che in una prima fase erano emerse da parte degli addetti ai lavori (professionisti e artigiani) che erano scettici su una possibile utilizzazione di un Piano già datato negli anni. Oggi posso dichiarare che, alla fine del lavoro svolto e del contributo che questa amministrazione ha dato a questo piano, possa ricevere con la sua adozione - conclude il primo cittadino - uno strumento sicuramente migliorativo e più attuale rispetto a quello degli anni 70».