Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 21 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 9:26 - Lettori online 866
MODICA - 11/05/2017
Attualità - Lo ha deciso il consiglio comunale

Un milione e mezzo per rifare asse viario a Modica

Si tratta di circa un km che sarà attrezzato anche con panchine e piste ciclabili Foto Corrierediragusa.it

Fondi ex Insicem per l’ampliamento dell’asse viario del polo commerciale. Il consiglio comunale ha destinato un milione e mezzo di euro, originariamente previsti per l’ampliamento della zona artigianale, per riqualificare il tratto di strada che va dalla rotatoria di Via Resistenza Partigiana a quella di Via Sacro Cuore. Si tratta di circa un km che sarà attrezzato anche con panchine e piste ciclabili in modo da rendere lo spazio più vivibile. L’apertura del nuovo tratto autostradale che porterà fino allo svincolo di Modica implicherà un più consistente flusso viario che si riverserà sulla zona commerciale per cui l’amministrazione ha pensato bene di investire su questa infrastruttura anche se in consiglio non sono mancate le critiche se non sul merito certamente sul metodo del sindaco che, secondo le opposizioni, non ha informato per tempo il consiglio comunale. Inoltre l’opera sarà completata a metà perché i fondi a disposizione non saranno sufficienti visto che il finanziamento è di un milione 750 mila euro.

Il sindaco Ignazio Abbate ha giustificato la scelta di dirottare le somme destinate all’ampliamento della zona artigianale perché non erano pronti i progetti e si rischiava così di perdere il finanziamento, mentre per l’ampliamento di via della Costituzione esisteva già un primo stralcio funzionale già cantierabile. Critici i consiglieri comunali Giovanni Scucces, Vito D’Antona e Andrea Rizza, i quali hanno rilevato che il progetto cantierabile riguarda solo una parte dell’arteria e sarà dunque un progetto a metà. Il fondo a disposizione, sempre secondo i consiglieri, sarebbe di un milione 400 mila euro perché i restanti 300 mila sarebbero stati utilizzati per gli espropri della zona artigianale e che dunque l’opera, seppur utile, sarà incompleta e bisognerà subito pensare a reperire altre risorse.