Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 20 Agosto 2017 - Aggiornato alle 11:02 - Lettori online 669
MODICA - 05/05/2017
Attualità - Iniziativa del sindaco Abbate

Diffida all´assessorato su ambulanza soppressa

Accertata la mancata previsione di una Postazione di Emergenza Territoriale nel territorio comunale Foto Corrierediragusa.it

Il Comune di Modica ha diffidato formalmente l’Assessorato Regionale alla Sanità, nella persona dell’Assessore Baldo Gucciardi, a voler prevedere la Postazione di Emergenza Territoriale Msa (Ambulanza con medico a bordo) a Modica, anche al fine di evitare una vera e propria interruzione del pubblico servizio, in atto esistente. Il decreto del 31 marzo 2017 «Riorganizzazione della rete ospedaliera ai sensi del D.M. 02 aprile 2015, n. 70», con il quale si approva il documento di riordino della rete ospedaliera, prevede di voler procedere alla distribuzione dei mezzi di soccorso, secondo criteri di densità abitativa, distanze e caratteristiche territoriali, con particolare attenzione ed eventuale applicazione di correttivi derivanti da fattori specifici quale, in particolare, la presenza sul territorio di rete elisoccorso.

Dall’esame del decreto emerge la mancata previsione di una Postazione di Emergenza Territoriale nel territorio comunale di Modica, nonostante la Città possieda tutti i criteri previsti e nonostante sul territorio del Comune di Modica insista la più ampia superficie di elisoccorso esistente nella Regione.

"Considerato che il territorio già possiede una postazione di emergenza - dice il sindaco Ignazio Abbate - sembra paradossale che la stessa possa essere stata soppressa, anche in considerazione del fatto che, l’ampio territorio rimarrebbe sprovvisto di una postazione di emergenza territoriale che le altre postazioni limitrofe previste non riuscirebbero mai a coprire. Viste le distanze, i tempi di percorrenza diverrebbero incompatibili ed inaccettabili per un adeguato soccorso - conclude il primo cittadino - con grave nocumento per il diritto alla salute dei cittadini.