Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 20 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 9:09 - Lettori online 790
MODICA - 29/04/2017
Attualità - Sembrava tutto finito e invece...

Piano sanitario ibleo tutto da rifare?

L’unica cosa che convince il sindaco di Modica è l’elevazione del Maggiore a ospedale di primo livello Foto Corrierediragusa.it

Sembrava tutto finito con l’approvazione della rete ospedaliera da parte del governo regionale e del Ministero della salute. Ma ancora una volta invece i sindaci tornano a discutere del nuovo piano sanitario e vogliono ulteriori modifiche perché, andando a spulciare tra gli incartamenti, non tutte le richieste e non tutte le esigenze risultano essere state soddisfatte. La conferenza dei 12 sindaci iblei ha deciso così di presentare le proprie controdeduzioni affinchè quelli individuati come punti deboli vengano sanati. E ancora una volta è emerso il contrasto con Ragusa e il ruolo che il polo ragusano assumerà perché, come dice il sindaco di Modica Ignazio Abbate, sempre sulle barricate per posti e servizi ospedalieri, Ragusa non ha neppure gli spazi utili per ospitare i nuovi servizi assegnati. Viene da chiedersi a questo punto a cosa servano bozze, conferenze di servizi, documenti ufficiali e infine il Piano sanitario se, ancora una volta, bisognerà metterci mano. Una delle carenze più gravi, per esempio, consiste nella paventata soppressione dell´unica ambulanza medicalizzata per il comprensorio modicano, anche se l’assessore regionale alla sanità Baldo Gucciardi si era a suo tempo premurato a chiarire che nessuna ambulanza verrà tolta dal territorio.

Per i sindaci iblei le altre carenze sono la non prevista presenza della degenza breve nei Pronto soccorso o l’istituzione di due unità semplici di psichiatria, e l’allocazione di un numero spropositato di posti letto all’interno dell’Ospedale di Ragusa. Altro punto dolente l’assegnazione di Malattie infettive a Ragusa invece che al Maggiore. Una discussione tante volte affrontata e che sembrava superata dal Piano sanitario, ma che invece ritorna puntualmente. L’unica cosa che convince il sindaco di Modica è l’elevazione del Maggiore a ospedale di primo livello. Per il resto è tutto da rifare, o quasi.


01/05/2017 | 17.46.40
Irritato

Sindaco, lasciamo Ragusa è costituiamo il consorzio del sud-est accorpando pure Noto, Rosolini e Pachino.