Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 20 Agosto 2017 - Aggiornato alle 11:02 - Lettori online 636
MODICA - 15/12/2016
Attualità - Due nuovi ambienti aperti in occasione dei 57 anni dall’assegnazione del Nobel al poeta modicano

Casa Quasimodo si fa più grande e accogliente

E’ intervenuto per via telefonica il figlio del Nobel, Alessandro, per manifestare il suo compiacimento Foto Corrierediragusa.it

Molto partecipata la serata per ricordare i 57 anni dell’assegnazione del Nobel per la Letteratura a Salvatore Quasimodo. Da Milano, per via telefonica, è intervenuto anche il figlio del poeta modicano, Alessandro, che ha voluto testimoniare la vicinanza e l’affetto per le iniziative che in questi ultimi mesi sono state portate avanti dall’Associazione Proserpina, gestore della casa di via Posterla. «Sento mia questa casa grazie all’impegno ultimamente profuso e teso alla sua valorizzazione», ha detto Alessandro Quasimodo concludendo il suo intervento e rinviando ad una prossima occasione la sua visita personale. La serata presso la Casa museo dal tema «Quasimodo Nobel, Inventore di poetica» ha avuto altri momenti importanti come l’apertura di due nuovi ambienti. Questi sono stati adibiti a sala multimediale e sala per la lettura completando l’offerta di un percorso originale. E’ il primo sostanziale segno di rinnovamento della Casa museo dopo la sua apertura risalente a venti anni fa, era infatti il 6 dicembre del 1996.

L’associazione Proserpina ha inoltre stretto un rapporto di collaborazione con il «Club Amici di Salvatore Quasimodo» di cui è presidente Nausica Lazocco per migliorare la qualità dell’offerta museale e proporre nuovi eventi. Nel corso della serata sono state poi lette alcune liriche, tra cui «Lettera alla madre» da parte di Marcello Sarta mentre i giovanissimi Maria Chiara e Gabriele hanno offerto un appropriato accompagnamento musicale. La serata è stata resa possibile grazie anche al sostegno degli sponsor Dolceria Bonajuto di PierPaolo Ruta e Dolce Salato di Antonio Pitino che da sempre hanno creduto alla proposta culturale della Casa Museo.

La presidente dell’Associazione Proserpina, Marinella Ruffino, ha fatto gli onori di casa per i tanti che hanno seguito l’evento ed ha commentato: «Siamo contenti della riuscita di questa iniziativa culturale che si muove nel solco del nostro rinnovato impegno per promuovere la Casa Museo e i valori che essa rappresenta».