Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 19 Agosto 2017 - Aggiornato alle 15:22 - Lettori online 782
MODICA - 01/12/2016
Attualità - Finita la gestione della ditta Puccia dopo ben 7 anni in regime di proroga

VIDEO Nuova era per gestione raccolta rifiuti a Modica: al lavoro la ditta Igm

Operatori ecologici soddisfatti della nuova ditta Foto Corrierediragusa.it

Giovedì primo dicembre e primo giorno di lavoro per la Igm Srl di Siracusa, la nuova ditta che si è aggiudicata l’appalto per la raccolta dei rifiuti solidi urbani a Modica per i prossimi sette anni (vedere video servizio Canale 74)


Passaggio ufficiale delle consegne quindi, dopo 7 anni di gestione della ditta modicana Puccia, andata avanti in regime di proroga. Un passaggio che chiude nel bene e nel male un capitolo per gli operatori ecologici modicani, che ad oggi devono comunque ancora ricevere quattro mensilità dalla ditta uscente. Sono stati consegnati i nuovi mezzi e le nuove divise, una mattinata di assestamento per l’organizzazione dei lavori, ma la prima impressione da parte dei lavoratori, tutti transitati alla nuova ditta,  è più che positiva. “Un altro pianeta” , riferiscono gli operatori ecologici, sottolineando che la serietà della nuova azienda si evincerebbe chiaramente. L’unica notizia che lascia qualche perplessità è che la Igm non avrebbe al momento cassonetti propri per garantire il servizio, circostanza che ha portato l’amministrazione comunale ad emanare un’ordinanza che di fatto “requisisce”  i cassonetti della ditta Puccia per metterli temporaneamente a disposizione della nuova ditta. La questione è stata sollevata anche dall’opposizione in consiglio comunale, dato che questa situazione potrebbe causare un aggravio di costi sulle casse comunali, atteso che la ditta uscente dovrà essere in qualche modo rimborsata per l’utilizzo dei propri cassonetti. E proprio dalle esangui casse comunali potrebbe essere prelevata la somma, peraltro ancora tutta da definire. Insomma un avvio “a mezzo servizio” per la nuova ditta di Siracusa, che, a breve, si doterà anche dei cassonetti. Dunque, dopo la fase di rodaggio, la vera sfida sarà l’avvio del servizio di raccolta differenziata, da tanto tempo atteso dalla città e che dovrebbe inserire il comune tra qui comuni virtuosi al fine di garantire anche sgravi ai contribuenti nel pagamento della tassa sui rifiuti.