Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 22 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 16:20 - Lettori online 900
MODICA - 22/11/2016
Attualità - Assemblea sindacale a palazzo San Domenico

Comunali in agitazione, Abbate assicura: "Pagheremo"

Il primo cittadino ha ringraziato tutti i dipendenti, a prescindere Foto Corrierediragusa.it

Stato di agitazione dei dipendenti comunali di Modica, dopo l’assemblea sindacale nell’aula consiliare. Durante la riunione si è ampiamente discusso del ritardo nel pagamento dello stipendio degli ultimi due mesi e del mancato pagamento del salario accessorio degli ultimi tre anni con le relative indennità. Si chiede pertanto all’amministrazione comunale di adottare urgentemente lo schema di bilancio di previsione per l’anno corrente, al fine di consentirne l’approvazione in consiglio comunale e quindi accelerare i trasferimenti dei fondi dallo Stato che consentiranno di pagare ai dipendenti gli stipendi e gli accessori sino alla fine dell’anno. Sulla vicenda è intervenuto il sindaco Ignazio Abbate secondo cui "La realtà è che si parla di un ritardo di neanche 10 giorni dalla scadenza che riguarda la mensilità di ottobre con inseriti gli emolumenti relativi al fondo 2014 per un importo di oltre 300 mila euro e che l’altra metà è stata già pagata il mese scorso, ovvero le uniche liquidabili.

Ricordiamo ancora una volta - dice il sindaco - che questa amministrazione puntualmente paga ogni mese lo straordinario, cosa mai fatta in passato, neanche con lo stipendio. In ogni caso ringrazio tutti i dipendenti che hanno continuato a lavorare per il bene di questa città e ringrazio anche coloro che hanno partecipato all’incontro. Entro l’anno rassicuriamo i dipendenti che percepiranno tutte le spettanze dovute - conclude il sindaco - come non hanno mai avuto modo di percepire prima del nostro insediamento.