Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 18 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 10:34 - Lettori online 912
MODICA - 11/11/2016
Attualità - Già si leva il malcontento di alcuni operatori commerciali

Regole ferree per i dehors in centro storico a Modica

L’intento della giunta è lodevole, ma le disposizioni potrebbero creare difficoltà agli esercenti Foto Corrierediragusa.it

Approvate le nuove linee guida sul regolamento relativo ai dehors in centro storico a Modica. Si tratta delle strutture esterne di bar e ristoranti che ospitano tavoli e sedie all´aperto per i propri clienti. Le nuove indicazioni che gli esercenti dovranno seguire, se non vorranno incorrere in sanzioni, sono molto dettagliate e riguardano ogni singola parte delle struttura: dalle pedane, agli arredi, alle coperture, specificando materiali e colori consentiti. Il tutto nell´ottica di un´ omologazione che porti a un effetto armonioso e il più gradevole e ordinato possibile. E se da un lato è lodevole l´intento di curare il «salotto buono» della città, queste disposizioni così stringenti potrebbero creare più di qualche difficoltà agli esercenti, già alle prese con le difficoltà economiche degli ultimi anni. Per quanto riguarda la pedana ad esempio, la struttura dovrà essere realizzata in ferro con pavimentazione esclusivamente in legno antiscivolo, preferibilmente dogato, trattato con impregnante idrorepellente di colorazione scuro. Non sarà inoltre consentito l’ancoraggio a terra delle strutture, per non danneggiare la superficie della strada o della piazza e a garanzia della totale removibilità delle stesse. Disposizioni precise anche per quanto riguarda gli arredi: i tavoli dovranno avere forma e disegno quanto più semplice e lineare possibile. La struttura dovrà essere in metallo verniciato a polveri. Sarà ammesso il policarbonato solo nei casi di particolare qualità del design ,che sarà comunque opportunamente valutato in sede di istruttoria della pratica. Vietato invece l’uso di materiali in plastica.

Le sedie e le poltroncine, dovranno inoltre essere coordinate ai tavoli, nei materiali, nei colori e nello stile. Sarà poi consentita l’installazione di apparecchi di riscaldamento e refrigerazione, omologati e muniti di regolare certificazione di sicurezza, nelle tipologie più semplici. Per quanto riguarda gli elementi di copertura, non sarà consentito l´utilizzo di più materiali nella stessa struttura e i colori degli ombrelloni, di forma quadrata o rettangolare, dovranno essere di colori tenui e senza alcuna scritta. Insomma tante e molto precise le indicazioni che i commercianti si troveranno costretti a seguire in nome dell´armonia in centro storico e il dibattito si prospetta certamente acceso. Troppe regole e tutte decisamente rigide dunque, che stanno facendo montare il malcontento di alcuni operatori commerciali.

Nella foto piazza Monumento in centro storico


Troppe regole? Solo normalità
11/11/2016 | 18.41.53
Meneghello

Non mi sembra affatto che siano troppe, queste regole. Altrove c´è anche più rigore e i risultati positivi si apprezzano molto. Finora c´è stato il far west ed è giusto che l´Ente Pubblico tuteli il decoro della città.